Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Motori

Moderatore: jpquattro

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 30 set 2014, 9:32

giulio del pian ha scritto:Mi sono stati chiesti i materiali che consiglierei per il colibrí eccoli:
cilindro inox pistone in ottone con fasce(3) in titanio(costose da realizzare ma eterne, valvola in cilindro di ceramica su sede in acciaio inox,collettore in ottone.


tieni conto che il range di temperature a cui si arriva non supera i 220°

l'acciaio inox che bisogna utilizzare per il vapore, è l'aisi 316 resistente alla corrosione, ma non è un granchè come durezza ..la fascia in titanio lo scaverebbe, a meno che non trattiamo internamente la superficie del cilindro, ma il nostro intento è quello di mantenere costi bassissimi, usando materiali che non necessitano di lavorazioni costose..

si inseriscono per quello i tecnopolimeri avanzati che anche se costosi , fanno risparmiare moltissimo sui tempi di lavorazione e sul fatto che non necessitano di trattamenti..

hanno poi un coefficiente di attrito molto basso, e proprietà auto lubrificanti e quindi possono lavorare anche a secco.. cosa che i metalli non possono..

per quanto riguarda la valvola, ti sei accorto di che tipo di valvola è?

la ceramica lavorabile è fantastica, ma costosa e inutile per le basse temperature.. andrebbe bene se volessimo arrivare oltre i 300°


ma non è il nostro scopo.. il dispositivo deve essere molto economico sennò è inutile parlare di un suo possibile impiego..
Chi sa fare, sa capire.

Share This



Avatar utente
dm195
Messaggi: 100
Iscritto il: 19 ago 2014, 19:09

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda dm195 » 30 set 2014, 12:10

No mac,non é rendimento calcolato ma testato sul campo,con 3 bar di vapore avevo x kw di elettricità,per avere. Uguali risultati con l aria il manometro doveva salire a 5,il punto cruciale é il rendimento della caldaia e far sí che attinga al meglio dalla fonte di calire,nem mio caso il camino di una stufa,feci calcolare lo scambiatore da un caldaista in modo ce dai 300 gradi dei fumu avessi una temperatura media dell acqua di 175 gradi.
La caldaia é tutto!
Infatti nei motori esatermici l energia é accumulata in caldaia ed é la che si deve lavorare al meglio.
il colibrí é un gran risultato però se abbinata ad una caldaia poco efficiente non serve a molto.
Le l assenza di goccioline d acqua nel vapore si ittiene attraverso un semplice surriscaldatore:nulla di complicato ma inutile nei motori a pistone.
la tecnica è quando tutto si sa e nulla funziona la pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perchè,noi abbiamo preso il meglio da entrambe le cose così nulla funziona e nessuno sa perchè!!
oh caro albert come avevi ragione!!!povero mondo fatto di teoria!!!

Avatar utente
giulio del pian
Messaggi: 19
Iscritto il: 24 set 2014, 16:57

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda giulio del pian » 30 set 2014, 12:19

Non ho elencato materiali basandomi sulle alte temperature ma sulla resistenza alle fortissime sollecitazioni che un uso continuato produce ai regimi da voi indicati e sui rischi dovuti alla cortosione da vapore.
i tecnopolimeri non mi sono mai piaciuti soprattutto per usi prolungati e a livello hobbistico,potrebbero essere validi usandoli con accorgimenti particolari non però alla portata di tutti e soprattutto non economici.

Avatar utente
dm195
Messaggi: 100
Iscritto il: 19 ago 2014, 19:09

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda dm195 » 10 ott 2014, 6:58

[quote="Yuz"]@dm195
Sarebbe molto interessante un confronto alla pari fra il tuo motore e il Colibrì.


Dò già la vittoria a tavolino al colibrí yuz!
Primo perché il mio modello (l ultimo intendo) é realizzato in modo moooolto piú spartano rispetto al colibrí,secondo perché il colibrí raggiunge elevatissimi regimi di rotazione e piú rpm =piú potenza e terzo perché essendo adiabatico ha senz altro un consumo inferiore di vapore e quindi un rendimento migliore.
Il mio ha un ammissione di vapore pari al 25% del volume del cilindro ma espelle vapore ancora ad elevata temperatura quindi spreca dell energia utile.
In un ottica di recupero fumi che altrimenti andrebbero persi questo può andare bene ma se dovessi bruciare combustibile per alimentarlo senza dubbio meglio il colibrím
Optai per l oscillante perché semplicissimo da realizzare e di manutenzione nulla,se avessi avuto tornio e fresa avrei realizzato un motore tradizionale con distibuzione a cilindro.
la tecnica è quando tutto si sa e nulla funziona la pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perchè,noi abbiamo preso il meglio da entrambe le cose così nulla funziona e nessuno sa perchè!!
oh caro albert come avevi ragione!!!povero mondo fatto di teoria!!!

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 11 ott 2014, 21:18

dm195 ha scritto:Mac-giver,il rendimento, da quello che ho potuto testare io é diverso,numeri non te ne so dare perché non sono all altezza ma il vapore rende di piú fosse solo perché ha energia immagazzinata anche sotti forma di calore,il mio motore girava a 3 bar di vapore,per avere gli stessi risultati con l aria dovdvo salire a 5.

Certo,per uso domestico il motore a pistone é megliopiú silenzioso ed economico,il colibrí é ottimo ma va provato a vapore,la si vede la realtà e se i numerk letti reggono con i fatti.


un pò di tempo per risponderti..

ora nel forum didattico di yuz, http://www.scienzalaterale.altervista.o ... 27d953#p30 puoi trovare calcoli e tabelle per farti un'idea più precisa.. da quello che scrivi confondi il rendimento con le prestazioni..

ovvio che con il vapore a parità di pressione hai una prestazione maggiore, ma il rendimento è molto minore, perchè per ottenere vapore, hai bisogno di calore, e come abbiamo sempre detto, non è gratis, quindi nel computo finale di energia immessa nel sistema e resa all'albero, devi appunto inserire tutti quei kwh di calore ceduti all'acqua per poterla vaporizzare..

sul forum didattico puoi trovare tutte le risposte che ti servono per capire meglio, di quanta energia c'è bisogno per far bollire X lt di acqua..

ora prendiamo questa tabella..

TabellaAriaCompressaVapore.png
TabellaAriaCompressaVapore.png (6.33 KiB) Visto 202 volte


in pratica funziona così

se con una pressione di 4 bar di aria compressa, hai ottenuto un efficienza meccanica del 30% per sapere quanto potrà essere l 'efficienza con il vapore dovrai dividere il 30 /8,6 = 3.4%

e cosi via.. notare che piu sale la pressione e più il numero divisore diventa più piccolo..

quindi, grazie a questi calcoli, le prove ad aria compressa con il colibrì, posso farci capire poi quali saranno i rendimenti con il vapore.. e le prove con aria, sono molto più semplici e meno pericolose,

un errore grossolano che si fa a volte, e proprio calcolare la quantità di combustibile-ora .. l ideale sarebbe un bel fornello a gas con un contatore a monte.. tot lt ora di gas tot wh generati.. solo così possiamo fare una stima abbastanza esatta della quantità di energia immessa...
Chi sa fare, sa capire.

Avatar utente
dm195
Messaggi: 100
Iscritto il: 19 ago 2014, 19:09

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda dm195 » 12 ott 2014, 9:34

Sei stato chiarissimo mac.
nel mio caso comunque il rendimento interessava fin là perché il calore era. Gratis essendo recuoerato da fumi di scarto.
tabella utilissima comunque.
la tecnica è quando tutto si sa e nulla funziona la pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perchè,noi abbiamo preso il meglio da entrambe le cose così nulla funziona e nessuno sa perchè!!
oh caro albert come avevi ragione!!!povero mondo fatto di teoria!!!

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 19 ott 2014, 13:14

amenetti1 ha scritto:
Si puo' azzardare un rendimento meccanico poco sotto al 30 % e con un rendimento elettrico della dinamo del 70% si puo' arrivare a produrre con 3,42 wh di energia potenzioale.........diciamo......circa .....piu' o meno..... booooo
vabbè la sparo 0,7 wh
Attendo impaziente il video


ecco.. ho fatto un pò di regolazioni migliorative..

la pressione di partenza è 14,2bar relativi a 10.2 bar relativi..

http://youtu.be/pv7Ei2EfYVI

siamo passati dallo 0.9Wh a 2.1Wh

la potenza di picco è impressionante..oltre i 200W elettrici! il lampadinone che vedete acceso è un qualcosa di vecchiotto che uso come carico resistivo.. è una" lampadina" da 750W a 110V roba di 60 anni fa :lol:

purtroppo non so perchè you tube mi ha caricato il video girato.. :( però manometro e watmetro si leggono bene..

il motore quando cala la pressione lo sentiamo calare di giri.. li andrebbe adattato il carico resistivo all erogazione del generatore per ottimizzare il dato.. però.. ci accontentiamo..

la butto li.. con il vapore, la prestazione sarà impressionante, e un rendimento.. la butto li ottimistica..9% ? ma magariiii!! ^_^
Chi sa fare, sa capire.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6241
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda Ferrobattuto » 19 ott 2014, 13:25

Ma non conviene usare un regolatore di pressione, in modo da avere pressione costante per un certo tempo? Poi magari collegare un serbatoio aggiuntivo al compressore e lasciarlo caricare bene prima, in modo da avere una autonomia maggiore per le prove. Io a suo tempo usavo delle vecchie bombole da 25Kg vuote e pulite come serbatoio aggiunto.
Vabhè, un'idea buttata lì.... Non sono un esperto.... :unsure:
Comunque mi piacerà vedere la prova definitiva col vapore. ;)
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
papas2004
Moderatore
Messaggi: 454
Iscritto il: 22 lug 2013, 0:37
Località: bellante(teramo)

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda papas2004 » 19 ott 2014, 15:40

mac ma quel compressore è un normale compressore domestico a cui hai fatto modifiche oppure è uno di quelli appositi che possono arrivare a 15 bar?
(Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato,e nella mia proprietà, per studio e/o per hobby)
La mia pellettatrice? clicca sul link
http://youtu.be/fv3KCQUe2PI?list=UU85cy ... 5ZV74lPYIA
http://youtu.be/-knanSFpl9I

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 19 ott 2014, 16:44

Ferrobattuto ha scritto:Ma non conviene usare un regolatore di pressione, in modo da avere pressione costante per un certo tempo? Poi magari collegare un serbatoio aggiuntivo al compressore e lasciarlo caricare bene prima, in modo da avere una autonomia maggiore per le prove. Io a suo tempo usavo delle vecchie bombole da 25Kg vuote e pulite come serbatoio aggiunto.
Vabhè, un'idea buttata lì.... Non sono un esperto.... :unsure:
Comunque mi piacerà vedere la prova definitiva col vapore. ;)


eh si ferro..ma servirebbe per fare una prova decentemente lunga almeno 200lt di serbatoio..anche se avessi il serbatoio.. non ho il compressore.. quel cosetto tra un pò tirearà le cuoia.. :unsure:

il motore è da 0,75cv.. se arriva a pompare 60lt al min a 0 bar è grasso che cola..
Chi sa fare, sa capire.

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 19 ott 2014, 16:49

papas2004 ha scritto:mac ma quel compressore è un normale compressore domestico a cui hai fatto modifiche oppure è uno di quelli appositi che possono arrivare a 15 bar?


normale compressore domestico che ha più di 30 anni.. con un pò di modifiche.. che poi.. il reg di pressione è esploso.. quindi l ho tolto. ora è in diretta.. lo spengo io quando vedo la pressione che mi serve..

gli ho messo un bel manometro preciso ad olio..quello si..

il massimo che arriva è a 18 bar..poi va in stallo e non aumenta più.. non so quanto durerà con sti ritmi... :unsure:
Chi sa fare, sa capire.

Avatar utente
Arex
Amministratore
Messaggi: 6968
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda Arex » 19 ott 2014, 17:44

Speriamo che all'interno il serbatoio non sia corroso da 30 anni di condensa ... potrebbe accadere che esplode prima quello del motore/compressore....
(Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato,e nella mia proprietà, per studio e/o per hobby)
Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate. (Higdon)(Arthur Bloch)
E poi ti trovi che un giorno sei tu ad avere l'arma ma non spari, perché colpire chi ti ha ferito non te ne importa più nulla. _Alda Merini_

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 19 ott 2014, 17:59

b'è.. ogni tanto la scarico.. esce fuori sempre una bella cremina color beige..

olio e condensa.. :rolleyes:
Chi sa fare, sa capire.

Avatar utente
amenetti1
Messaggi: 32
Iscritto il: 22 lug 2013, 0:37

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda amenetti1 » 20 ott 2014, 11:36

:woot: 61,4% di rendimento meccanico :woot:
in un motore che gira cosi forte ,e dove gli atriti la fanno da padrone nel bilancio energetico ; mi sembra un ottimo risultato.
Mi sembra tutto pronto per il VAPORE .
Quando pensate di provare con il vapore?

Avatar utente
dm195
Messaggi: 100
Iscritto il: 19 ago 2014, 19:09

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda dm195 » 20 ott 2014, 21:23

Ottimo direi!!!!
Credo che per realizzare la tenuta della valvola scorrevol e ti sia dovuto dannare non poco mac o sbaglio?
ottimo lavoro comunque!
Ora tocca alla caldaia,la si é importante avere scambiatori con la s maiuscola sennò il rendimento te lo giochi tutto!
riesci a tirar fuori una caldaia che recuperi il massimo del calore e che sia piú efficiente del compressore con cui hai fatto i test,il rendimento potrebbe salire ancora.
la tecnica è quando tutto si sa e nulla funziona la pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perchè,noi abbiamo preso il meglio da entrambe le cose così nulla funziona e nessuno sa perchè!!
oh caro albert come avevi ragione!!!povero mondo fatto di teoria!!!

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 22 ott 2014, 8:30

amenetti1 ha scritto::woot: 61,4% di rendimento meccanico :woot:
in un motore che gira cosi forte ,e dove gli atriti la fanno da padrone nel bilancio energetico ; mi sembra un ottimo risultato.
Mi sembra tutto pronto per il VAPORE .
Quando pensate di provare con il vapore?


magari ci si organizza e si viene da te così proviamo con la tua caldaietta.. ci arriva in sicurezza a 12 bar?
Chi sa fare, sa capire.

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 22 ott 2014, 8:36

dm195 ha scritto:Credo che per realizzare la tenuta della valvola scorrevol e ti sia dovuto dannare non poco mac o sbaglio?
ottimo lavoro comunque!
Ora tocca alla caldaia,la si é importante avere scambiatori con la s maiuscola sennò il rendimento te lo giochi tutto!
riesci a tirar fuori una caldaia che recuperi il massimo del calore e che sia piú efficiente del compressore con cui hai fatto i test,il rendimento potrebbe salire ancora.


la tenuta nn sarebbe un problema, ma lo è diventato farla lasciando più basso possibile l'attrito..

se avessi avuto un motore piu grande di cilindrata, il problema non si poneva..

per la caldaia non ho proprio il tempo materiale per farla.. ma per come sono fatto io, un gg che mi ci metto, la farei molto contenuta tipo max 3 lt di acqua ma a 20bar..

solo così puoi ottenere rendimenti un poco oltre il 10% :rolleyes:
Chi sa fare, sa capire.

Avatar utente
mastrovetraio
Moderatore
Messaggi: 2602
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mastrovetraio » 22 ott 2014, 9:05

Serbatoio per metano, allo sfascio. Regge 300 atmosfere!!

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 22 ott 2014, 10:04

mastrovetraio ha scritto:Serbatoio per metano, allo sfascio. Regge 300 atmosfere!!


lo voglio piccolooo!! ^_^
Chi sa fare, sa capire.

Avatar utente
mac-giver
Messaggi: 549
Iscritto il: 26 lug 2011, 18:23

Re: Motore adiabatico per cogenerazione domestica - Altri Mo

Messaggioda mac-giver » 22 ott 2014, 10:29

notavo i calcoli fatti nel forum didattico. che le mie stime sono molto pessimistiche..

http://www.scienzalaterale.altervista.o ... 5&p=52#p52

io i calcoli precisi no li so fare.. ma stando a quello che leggo.. :B): :rolleyes: :woot:
Chi sa fare, sa capire.

Share This


Torna a “Motori esotermici”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite