Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Moderatori: corvo50, papas2004

Avatar utente
Arex
Amministratore
Messaggi: 6968
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda Arex » 23 giu 2016, 9:18

Poi mi dici come hai calcolato il carico radiale e assiale? Chiedo perché io non lo so fare.
Comunque si, al posto di quel cuscinetto o insieme a quel cuscinetto ce ne vorrebbe uno assiale (una ralla) che ti assicuri la tenuta in verticale o carico assiale.
Ad ogni modo tu continua a tirare che se ad un certo punto cede abbiamo scoperto il problema e lo si può (spero) sempre risolvere .... ;)
(Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato,e nella mia proprietà, per studio e/o per hobby)
Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate. (Higdon)(Arthur Bloch)
E poi ti trovi che un giorno sei tu ad avere l'arma ma non spari, perché colpire chi ti ha ferito non te ne importa più nulla. _Alda Merini_

Share This



Avatar utente
corvo50
Moderatore
Messaggi: 1520
Iscritto il: 6 lug 2013, 19:13

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda corvo50 » 24 giu 2016, 17:56

i cuscinetti conici,sono fatti perlopiu per eliminare il gioco radiale,attraverso una chiusura a pacco regolabile,per cosìdire.
per un carico assiale vero,occorre ricorrere ad un assiale puro,in combinazione con uno o piu radiali..è la scelta migliore
quando incontrerai qualcuno che pensa di sapere tutto,non avere dubbi:costui è un imbecille(Confucio)

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 30 giu 2016, 10:41

Ciao, ok quindi tengo il cuscinetto montato. Se si rompe lo cambio. Piu che altro se mi si rompe una volta che la trafila é gia cementata, la sede del cuscinetto é standard e quindi basta solo sostituirlo con ralla?
La stima del carico l ho fatta molto a spanne, troppe pippe mentali per arrivare ad un valore abbastanza realistico. Per trovare lo sforzo assiale che supportano i cuscinetti si dovrebbero posizionare degli estensimetri o altra diavoleria sull albero motore in trazione, questi misurano quanto si allunga l albero quando lavora, l allungamento é proporzionale allo sforzo indotto e quindi si trova la forza di compressione, cmq la dilatazione misurata agli estensimetri sarebbe in eccesso perche parte sarebbe dovuta alla dilatazione termica.
Per il carico radiale assorbito dai cuscinetti, questo é dovuto alla non simmetria del lavoro che fanno i rulli, questi scaricano forze asimmetriche sui alberi porta rulli. L albero porta rulli fa da leva sull albero motore creando su quest ultimo un momento flettente che viene assorbito dal cuscinetto a rulli come carico radiale. Se il carico sull albero porta rulli fosse perfettamete simmetrico su entrambi la sovrapposizione dei momenti flettenti si annullerebbe a vicenda senza sottoporre il cuscinetto ad alcun carico radiale. Cosi su due piedi si potrebbe quindi dire che in generale i carichi radiali son bassi.
Il carico limite che va visto nel cuscinetto é quello a fatica, perche il carico a cui é sottoposto é ciclico, o cmq di sicuro non é statico! Per capire la vita utile che ha il cuscinetto la skf sul sito mette a disposizione un software dove in base al modello montato, sforzo a cui é sottoposto, condizioni di lavoro (temperatura, lubrificazione, livello di sporco). La rottura a fatica dei cuscinetti é dovuta al contatto hertziano, in pratica sulla pista di rotolamento gli sforzi di mutua compressione elemento volvente-pista crea a pochi nm sotto lo spessore di questi sforzi tangenziali che inducono al movimento delle dislocazioni del reticolo cristallino con la conseguente nascita di cricche (le cricche da fatica), in genere questa roba nasce prima sulla pista esterna del cuscinetto ...
Cmq (sempre in teoria) una volta convalidato il modello degli sforzi con prove sperimentali (cm quella degli estensimetri detta prima) si puo arrivare all analisi fem (finite element method) in cui il modello della macchinetta viene colorato con gradazione proporzionale allo sforzo a cui é sottoposto, fatto su pc .
Vista la complessita... la roba migliore da fare é savradimensionare e stare a favore di sicurezza. I componenti sottoposti a fatica pero anche se sovradimensionati e quindi sottoposti a sforzi bassi possono comunque rompersi. Piccoli accorgimenti che aumentano la resistenza a fatica sono la finitura superficiale e limitare effetti d intaglio. Mi é arrivato il voltmetro entro meta luglio dovrei montarlo.
Ah la scelta dei rulli conici viene cmq anche da qualche macchina gia vista, mi ricordo su google una pellettatrice a cardano blu rulli fermi trafila rotante che montava due rulli conici contrapposti...

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 30 giu 2016, 16:37

Pensavo a qualche altra roba per misurare il carico assiale ... si protrebbe posizionare un sensore piezoelettrico sulla spalla dell albero motore che scarico al cuscinetto, darebbe direttamente il carico a cui é sottoposto. Cmq si tratta sempre di robe da laboratorio

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 30 giu 2016, 16:43

Pensando alla pellettatrice a cardano ... le trafile rotanti rulli fermi scaricano sforzo assiale sulla camicia, non sul albero ... potrei aver fatto una caxata con i cuscinetti davvero

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 30 giu 2016, 16:46

No pero la camicia esterna é tanto trazionata quanto l albero motore é compresso ... quindi ok se sn stati messi i rulli conici potrebbe cmq resistere

Avatar utente
papas2004
Moderatore
Messaggi: 454
Iscritto il: 22 lug 2013, 0:37
Località: bellante(teramo)

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda papas2004 » 30 giu 2016, 20:25

ammiro la tua tenacia, credimi, anch'io e altri prima di me le hanno provate tutte per farla funzionare, ma hanno mollato tutti.
trai le tue conclusioni e agisci di conseguenza.
Magari indirizza il tuo sapere verso un altro modello, ma se vuoi il mio modesto parere, smettila di buttare tempo e denaro su questo tipo di pellettatrice che da risultati come già detto da arex in molte discussioni solo con determinate proporzioni
(Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato,e nella mia proprietà, per studio e/o per hobby)
La mia pellettatrice? clicca sul link
http://youtu.be/fv3KCQUe2PI?list=UU85cy ... 5ZV74lPYIA
http://youtu.be/-knanSFpl9I

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 1 lug 2016, 19:45

Grazie Papas. Cmq prima di metterla da parte voglio arrivaread un dunque. La voglio finire piu per principio che utilita ... pensa che nn ho neanche la stufa a pellet a casa

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 31 lug 2016, 13:19

Ok esami dati ... posso finalmente tornare a dedicare un po di tempo a robe piu importanti ;-) !!! Allora ho montato il wattmetro ed é tutto ok! Ho fatto una prova con della segatura fatta asciugare al sole ... mentre la mettevo nella macchinetta gli spruzzavo sopra dell olio di mais ... i picchi di potenza raggiungevano i 2000-2100 watt e tutto andava bene ... ad un certo punto pero uno dei due rulli ha iniziato a strisciare e nn rotolava. Smontato ripulito e stretto i rulli ancora piu forte sulla trafila. Faccio ripartire la macchinetta e vedo che i rulli rotolano bene ... pero vedo che l albero motore é "disallineato", cioe é storto mentre gira. Questo é dovuto al fatto che un rullo preme di piu sulla trafila l altro meno, perche o hanno diametri di poco differenti (ma nn credo sia qst il motivo) oppure gli alberini porta rulli son leggermente disallineati. Cosa mi consigliate riguardo questo? ( per capire se sn disallineati i rulli basterebbe montare l albero porta rulli ruotato)
Altrimenti per limitare la possibilita che rullo smetta di rotolare posso mettere zigrinatura intermedia a quelle presenti. ma credo che se si riesca a limitare disallineamento sia abbastanza per evitare che rullo che preme di meno slitti!
Quindi il problema dell ultima prova é il disallineamento ... mettendoci un po di olio di mais il motore non é mai andato in sovraccarico. Stavo qnd pensando di montare un ugellino che cn la pressione di un compressorino butti dentro un po di olio nella segatura ... risolvendo qnd il problema del limite della potenza di 3hp.
Ah Arex il wattmetro é proprio utile. Grazie del consiglio. Attendo pareri!

Avatar utente
CB900RED
Moderatore
Messaggi: 806
Iscritto il: 26 mag 2013, 17:23
Località: ravenna

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda CB900RED » 31 lug 2016, 15:17

ciao thermo_mill
per il fatto che di tanto in tanto un rullo giri e l'altro si ferma puo' anche essere dato dalla segatura che si pone davanti al rullo stesso
che in quel momento non trova abbastanza attrito per fermarsi ed essere compressa e scivola sulla trafila ;)
per il fatto che usi l'olio aiuta a pellettare pero' anche se aggiungi acqua nebulizzata puo' aiutare
poi per il discorso che l'albero portarulli sia piegato ( castelletto )
a me e' successo quando si trovava un dado o bullone ( in genere da 8 mm) che comunque si bloccava
pero' se pensi che sia piegato e' sufficiente girarlo di 180° ;) e continuare a pellettare
https://www.youtube.com/watch?v=a4GXThqjSTI
https://www.youtube.com/watch?v=PAPAMc7g54A
ookkk un saluto cb900red

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 31 lug 2016, 15:50

Ciao cb 900!
non è piegato l'alberino porta rulli, ho detto che è possibile che i due alberini porta rulli siano disallineati tra loro. questo porta a vedere l albero motore che non gira perfettamente sul proprio asse! cmq ho guardato ... bene o male i due rulli appoggiano sempre nello stesso modo sulla trafila ... quindi magari non è neanche un problema di disallineamento degli alberini . ho notato che a furia di pellettare, non avendo ancora i pezzi cementati essendo in prova, i rulli son diventati belli lisci ... probabilmente il fatto che siano lisci e segatura oliata porta a far strsciare il rullo non avendo abbastanza attrito ... eppena riesco pubblico foto rulli ... quindi sarei per fare una zigrinatura intermedia tra quelle presenti.

Avatar utente
CB900RED
Moderatore
Messaggi: 806
Iscritto il: 26 mag 2013, 17:23
Località: ravenna

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda CB900RED » 31 lug 2016, 17:33

ciao thermo_mill
io ho iniziato con i rulli lisci e usavo l'acqua nebulizzata quando macina...
cioe' le piane quando non pellettizzano macinano la segatura finche' non trovano sia la temperatura e l'umidita' consona ;)
queste sono le foto della mia quando sono partito un po' come te :)
un saluto cb900red
Allegati
rulli e trafila.png
rulli e trafila.png (562.55 KiB) Visto 1265 volte
rulli.png
rulli.png (558.39 KiB) Visto 1265 volte

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 4 ago 2016, 9:57

Ok ho rifatto un altra prova. Albero motore non ruotava bene sul proprio asse xke il dado che preme i rulli su trafila poggiavam male su una rondella. Problema risolto. Rimane il fatto che con la segatura oliata i rulli slittano e nn rotolano (uno slitta l altro continua a rotolare) sto facendo delle zigrinature lievi sul rullo per aumentare l aderenza. Devo ancora provare che risultato danno. Cb red io sarei per usare olio di mais anziche acqua per lubrificare ... acqua nn influenza l umidita della segatura?
Sto pensando inoltre a come fare il sys per lubrificare... l ho pensato cosi:
Compressorino del frigor pompa aria in un tubicino che arriva ad un raccordo a tre vie in cui innesto un tubo che porta olio da un serbatoietto. La portata d olio la regolo con una valvolina on/off tipo rubonetto benzina. Quindi il raccordo a tre vie ha due input (aria e olio) in uscita c e aria mista ad olio che arriva ad un ugello.
Cbred mi hai scritto nebulizzatore ... dove lo trovo? Io avevo pensato di fare cm ugello una vite m6, fare foro da 2 mm per il lungo. Cosi avendo gia filettatura é facile montarla sul telaio. Un altro dubbio che ho é in quale punto mettere l ugello, le opzioni in mente sono:
1.Metterlo sotto la valvola che regola portata segatura, dove la segatura in caduta viene oliata.
2. Metterlo poco sopra la valvola segatura di modo che la segatura venga oliata prima che cada sui rulli.
Io ade sn propenso per la 1 xke da lubrificazione piu uniforme.
Ade sto fermo per 14 gg che vado sulle dolomiti a macinare qualche tappa della via alpina! Qnd torno riprendo!
Attendo pareri! Grazie

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 19 ago 2016, 16:55

Ok eccomi qua!
Ciao Arex ed a tutti! Ho fatto qualche prova ancora ed ecco i seguenti risultati:
1.La trafila cn 25 mm sembra far lavorare bene il motore da 3hp o meglio ... avendo il wattmetro montato ed inserendo segatura cn olio di mais il motore non si blocca piu per l eccessivo sforzo.
2. Ecco il nuovo problema: dopo che la macchinetta si é scaldata perfettamente inizio ad inserire la segatura cn poco olio che lo spruzzo cn uno spruzzino mentre entra. Per un po funziona dopo di ché uno dei due rulli inizia a slittare sulla trafila portadosi una zolletta di segatura che rimanendo solidale al rullo che slitta. Percio lo slittamento non é tra rullo e segatura, ma tra zolletta e trafila ... da che mondo e mondo mi vien da dire che é un problema di attrito che non é abbastanza per far rotolare i rulli sulla trafila ... e chiaramente inserendoci segatura oliata é ovvio che l attrito viene a diminuire.
Ok fatto questo ho detto, voglio lasciare la segatura oliata, quindi gli unici modi per aumentare l attrito sono:
- mettere zigrinature leggere sul rullo e trafila
- premere maggiormente i rulli sulla trafila (per qnt a parer mio preme gia abbastanza)
Ho iniziato provando con le zigrinature, le ho fatte usando come matrice la filettatura di una vite d acciaio per il legno che la battevo cn il martello sui rulli e trafila che lasciava una perfetta zigrinatura ...
ho provato a pellettare ma ancora niente.
Ho quindi provato ad aumentare l attrito premendo maggiormente i rulli sulla trafila ...
Inizialmente andava bene ... ma dopo un poco dalla trafila non usciva piu pellet compatto ma solo un macinato di segatura ... (sia cn segaturaoliata che non)
Fermo la macchina e smonto, vedo che la trafila non riusciva piu a dare la compressione perché i rulli premendo cosi tanto sui fori li hanno ovalizzati rendendo nulle le svasature che adesso le devo ripassare ... metto le foto)
Il problema é non avendo ancora trafila e rulli cementati questi si deformano ...
I fori deformandosi diventano piu piccoli e quindi aumenta l area liscia della trafila che é compressa dai rulli ( infatti dalla foto si vede che i fori non sn ben vicini tra loro)
L ultima prova fatta sia che la segatura fosse oliata o no dopo un po slittava ... e credo che sia dovutoal fatto che i fori diventati piccoli lascino troppi spazi tra metallo rullo e trafila che favorisce slittamento.
Riuscite a darmi qualche aiuto? Ade ripasso svasature, ma cementare non so xke se poi ho ancora slittamento non posso piu correggere rulli e trafila.
Grazie!!
Allegati
CAM02198-1.jpg
Fori ovalizzati
CAM02198-1.jpg (117.42 KiB) Visto 1200 volte

Avatar utente
Arex
Amministratore
Messaggi: 6968
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda Arex » 19 ago 2016, 21:09

Come sempre fanno dannare! La trafila rifagli i coni.
Dunque, 25 mm sono ancora molto per quel che può fare la macchina. Sei costretto a diminuire la parte cilindrica del foro per non dover schiacciare i rulli sulla trafila.
I rulli ti consiglio di farli ben scanalati: 2mm x 2 x 5 mm di superficie piana.
Dai forza ... pian piano...
(Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato,e nella mia proprietà, per studio e/o per hobby)
Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate. (Higdon)(Arthur Bloch)
E poi ti trovi che un giorno sei tu ad avere l'arma ma non spari, perché colpire chi ti ha ferito non te ne importa più nulla. _Alda Merini_

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 19 ago 2016, 23:33

Vuoi dire che é ancora meglio togliere 1 mm di controforo?! É che avevo gia lavorato di controforo e nn volevo ridurlo troppo ... ade ci penso in caso mentre rifaccio svasature la porto a 24 mm. Pero il problema principale detto sopra ... come faccio ad evitare di far scivolare rullo su trafila? Le scalanature nn posso cambiare, cmq son un 3x3 ogni 5-7mm di sup piana. Mi sn fatto uno schema su cm lavora il foro ... per me scivola perche la parte liscia della trafila é eccessiva rispetto ai fori... ripassando le svasature aumenta sup dei fori e dovrebbe far piu presa la segatura sui fori evitando scivolamento. Appena riesco faccio tutto. Tengo aggiornati
Allegati
CAM02198-1.jpg
Scalanatura rulli
CAM02198-1.jpg (117.42 KiB) Visto 1179 volte

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 19 ago 2016, 23:34

Ho sbagliato img... provo a caricare scalanatura rulli

Avatar utente
thermo_mill
Messaggi: 75
Iscritto il: 19 dic 2015, 0:00

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda thermo_mill » 19 ago 2016, 23:36

Scalanature
Allegati
CAM02194-1.jpg
CAM02194-1.jpg (50.68 KiB) Visto 1179 volte

Avatar utente
papas2004
Moderatore
Messaggi: 454
Iscritto il: 22 lug 2013, 0:37
Località: bellante(teramo)

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda papas2004 » 20 ago 2016, 19:57

cosi giusto per. hai mai provato a girare il rullo a mano quando ti slitta, così per escludere eventuali difetti.
(Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato,e nella mia proprietà, per studio e/o per hobby)
La mia pellettatrice? clicca sul link
http://youtu.be/fv3KCQUe2PI?list=UU85cy ... 5ZV74lPYIA
http://youtu.be/-knanSFpl9I

Avatar utente
Arex
Amministratore
Messaggi: 6968
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Pellettatrice Fai da te - Pellettatrici a trafila piana

Messaggioda Arex » 20 ago 2016, 21:05

Anche il consiglio di Papas è più che giusto.
Nella speranza che i rulli e cuscinetti non abbiano difetti cerco di darti un consiglio anche se Corvo e altri sono più indicati di me ad indicarti la via ....
A mio parere il cuneo di segatura davanti al rullo è il difetto della trafila rotante ed è il motivo per il quale lo stesso forma una crosta tale da scivolare sulla superficie della trafila. Prova segatura più grezza, meno raffinata, da una ripassata al tornio anche ai rulli, gli angoli arrotondati non aiutano di certo.
Per quanto riguarda la compressione ho ricordi che corvo era dovuto scendere a 15/16 mm di parte cilindrica del foro per riuscire a trafilare....
Vedi, tra rullo e trafila dovrebbe esserci lo spazio per lo spessore di una crosta di segatura (precompressione) che crea aderenza tra i due... la crosta, il cono e la ritenzione della parte cilindrica del foro danno la compressione totalr.
In questo momento la sensazione che ho è che tu sia costretto a schiacciare letteralmente i rulli sulla matrice per riuscire a vedere qualche pellet uscire ... io ridurrei la parte cilindrica fino al compromesso, fino a quando la macchina lavorerà con 1mm di crosta tra rullo e trafila e riuscirà a sfornare pellet ... purtroppo non posso aiutarti di più, per farlo dovrei essere con te mentre fai prove ...
(Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato,e nella mia proprietà, per studio e/o per hobby)
Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate. (Higdon)(Arthur Bloch)
E poi ti trovi che un giorno sei tu ad avere l'arma ma non spari, perché colpire chi ti ha ferito non te ne importa più nulla. _Alda Merini_

Share This


Torna a “Pellettatrici a trafila piana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite