Deumidificatore artigianale

Moderatore: CB900RED

Avatar utente
MD_CORPORATION
Messaggi: 114
Iscritto il: 11 feb 2015, 16:03

Deumidificatore artigianale

Messaggioda MD_CORPORATION » 8 lug 2015, 15:00

Ciao a tutti voi esperti :):

Ho ristrutturato casa da poco ... è una casa molto vecchia con muri spessi oltre 1 metro ... strutturata in 3 piani ... in questi periodi fa caldissimo e l'umidità è spaventosa .... il piano terra è veramente fresco ...nell'ordine dei 23-24 gradi quando fuori all'ombra ce ne sono 32....

Il grosso problema è che vedo umidità sui muri; durante la ristrutturazione mi sono staccato dai muri di c.a 10 CM ed ho fatto una ulteriore copertura interna di mattoni 9 fori ... ho dato una finitura traspirante ... idem per il bianco ...sotto il pavimento cè un intercapedine di circa 30 CM.... ma nonostante tutto non basta ... mi ritrovo macchie di umido sui muri ....

Mi trovo costretto a ricorrere a un deumidificatore ... attualmente le mie bollette enel sono abbastanza salate a causa dei miei consumi (spiegati in altra discussione) ; dico questo perchè il condizionatore che vorrei realizzare deve avere veramente il minimo consumo se non
addirittura non consumare (difficile) ....

Mi sono documentato un pò online ed ho trovato svariati accrocchi come il sale ... e delle celle di peltier se non sbaglio ...
ma non .... tolto il fatto che gli esempi che ho visto sono relativamente piccoli per le dimensioni del mio P.T
.... ma sapessi che veramente questi "accrocchi" funzionano potrei riprodurli su scala più alta ....

Avete mai provato | sperimentato qualcosa di simile?
Funziona veramente?

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7165
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda maxlinux2000 » 8 lug 2015, 16:37

ciao

che ne dici invece di mettere in casa un sistema di ventilazione forzata con scambiatore di calore ad aria, che tra l'altro consuma pochissimo, mantiene la casa calda (o fresca) ma soprattutto asciutta, e te lo puoi costruire da solo?
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7165
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda maxlinux2000 » 8 lug 2015, 16:47

Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda jpquattro » 8 lug 2015, 17:22

Prima di tutto bisogna capire l'origine dell'umidità. E' umidità di risalita (i muri umidi fino a diciamo un metro dal piano di campagna)? E' condensa? (Muffa anche in alto, ma non solo)
E' infiltrazione di altra origine (acqua piovana che si infiltra dalle strutture esterne, tetto, terrazzi, intonaco... le macchie sono di solito chiaramente localizzate). E' la perdita di una conduttura?

Cosa vuol dire mi sono scostato dalla parete? Hai costruito una nuova paretina, scostata dalla vecchia parete e rialzata dal suolo? Se si allora l'umidità che vedi o viene dall'alto (tubi, grondaie, tetto bucato, terrazza che filtra acqua...) o è condensa, non può essere umidità di risalita, semplicemente perché la nuova paretina non tocca (o non dovrebbe toccare) niente di umido: terreno, fondamenta, muratura vecchia....

Vedendo le temperature mi viene da pensare che potrebbe essere proprio condensa, di solito la soluzione è quella che dice Max: ventilare ventilare ventilare... ma nel tuo caso, o usi un sistema di ventilazione in grado di recuperare il calore (nel tuo caso il fresco...) e smaltire la condensa di risulta oppure non ci cavi niente.

Mi spiego. se dall'esterno entra aria umida a 33 gradi e le pareti sono a 24, l'umidità condensa sulla parete fredda.

Sale e stupidaggini simili lasciale a chi le vende, come i co$to$i$$imi intonaci speciali.
Un deumidificatore costa una cifra modesta, non fa molto rumore e consuma abbastanza poco (parliamo di un centinaio di watt, più o meno). Si trovano anche usati su internet...
Se le temperature in casa tua sono quelle che dici, l'aria condizionata non ti serve e starebbe sempre spenta.

Paolo

P.S. mi rendo conto che la soluzione proposta non è un mostro di ecologia, ma...

Avatar utente
MD_CORPORATION
Messaggi: 114
Iscritto il: 11 feb 2015, 16:03

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda MD_CORPORATION » 9 lug 2015, 12:03

La struttura è rimasta l'originale con muri in pietra e fango ... come già detto in alcuni punti più spessi di un metro ... in OGNI stanza di tutti e 3 i piani mi sono spostato di una decina di Centimetri ed ho creato su ogni parete un muro di mattoni ( come una scatola dentro ad un'altra scatola per intenderci) ... è come se avessi rivestito tutti i muri ... ma staccandomi di 10 CM circa...questi muri sono poggiati sulla soletta ... è qui sotto spiego esattamente dove:

I cordoli sono circa 40X40 in C.A con gabbie e correnti all'interno .... questi cordoli sotto il pavimento creano una sorta di "vasche" per ogni stanza; le chiamo vasche perchè unendosi sui 4 lati delle stanze creano un quadrato... sul fondo ho fatto un "getto di pulizia" di c.a 5cm per evitare risalite al centro... poi tra un cordolo e l'altro ovviamente sulla aprte alta del cordolo.... ho disteso i travetti in laterizio dove poi ho ancora messo sopra i tavelloni (anche se il nome non è questo .. ma non me lo ricordo :) ) ... poi ho gettato la soletta.... ed è qui sopra che poggiano i muri del rivestimento!

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda jpquattro » 9 lug 2015, 14:24

...e tu l'umidità la vedi sotto forma di macchie nere sul muro o macchie bagnate? A che altezza? in basso, in alto? Solo al piano terra o anche ai piani superiori?
Paolo

Avatar utente
MD_CORPORATION
Messaggi: 114
Iscritto il: 11 feb 2015, 16:03

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda MD_CORPORATION » 13 lug 2015, 12:00

All'inizio (appena siamo andati ad abitarci dentro) ... era periodo invernale .. e si creava TANTISSIMA umidità attorno ai serramenti (in legno) che trasudavano parecchio e si creava molta umidità sul muro attaccato al serramento su tutti e 3 i piani ... si erano anche creati dei puntini di muffa tutto attorno ... ma che ho pulito con candeggina ed non è più ricomparsa ....

ora invece solo al piano terra in basso attaccato al battiscopa ... vedo questi puntini di muffa e delle chiazze di umido grandi fino a 20 cm massimo in alcuni punti ad una altezza di massimo 30 CM dal pavimento del P.T

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6310
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda Ferrobattuto » 13 lug 2015, 13:13

Scusa se intervengo, ma dal mio punto di vista dire "muri in pietra" è un po' generico. Nella zona dei castelli romani, dove abita mio fratello, i muri in pietra sono di tufo, variabile dal marrone al nero, legato con calce e pozzolana, lì l'umidità ai piani inferiori è "di casa".... Quì dove abito io la pietra è una sorta di arenaria molto compatta, porosa e leggera, molto asciutta, tanto che anche nelle cantine e nelle stalle inferiori molto difficilmente si vede umidità. In molti paesi limitrofi, ai piedi o a mezza costa delle montagne del Parco Nazionale d'Abruzzo, sull'altro lato della valle, la pietra è bianca, calcarea, pesante, molto fresca e sicuramente impenetrabile all'umidità. Nel nostro caso se poi la pietra è legata con calce e sabbia è asciuttissima.
Molto dipende da dove stai e da che tipo di costruzione si tratta. Però, da come descrivi il fenomeno, ossia quando dici che "all'inizio" c'era più umidità ma poi ce n'è stata di meno, a me sembra più che altro un problema di ventilazione......
Comunque mio fratello ha risolto il problema dell'umidità dei muri perimetrali (per altro in un seminterrato) con l'applicazione dei "silani", una sorta di siliconi liquidi che vengono iniettati nei muri esterni. Si fanno fori da 30-40mm di diametro profondi quanto possibile, obliqui a circa 45° e distanti una quindicina di cm l'uno dall'altro, nel muro esterno a contatto col terreno, e si riempiono con questo liquido, che si assorbe pian piano. Quello che ho visto usare era semitrasparente, bianco, molto più pesante dell'acqua. Si riempionoi i fori e si lascia assorbire, rimboccando fin quando assorbe, poi si tappano i fori con normale cemento, magari con additivo antiritiro. Nel suo caso questo sistema è stato efficace......
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
MD_CORPORATION
Messaggi: 114
Iscritto il: 11 feb 2015, 16:03

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda MD_CORPORATION » 13 lug 2015, 13:30

mai sentito parlare di "pietra di luserna"? una pietra molto compatta con il quale si ricavano per lo più rivestimenti strutturali come le tipiche "lose" (le pietre che fanno da copertura ai tetti)
una pietra molto robusta ...Ecco io abito nel paese in cui si estrae questa pietra ... tutte le case nei dintorni dispongono di questa tipologia di pietra.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6310
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda Ferrobattuto » 13 lug 2015, 13:42

Strano.... In pratica è un Porfido.... Pietra durissima e compatta. Mi pare strano che trasudi umidità.
Hai detto "pietra e fango", ma è proprio "fango" o qualche tipo di malta di calce, magari "povera"?
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
MD_CORPORATION
Messaggi: 114
Iscritto il: 11 feb 2015, 16:03

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda MD_CORPORATION » 13 lug 2015, 13:44

no no fango ...vecchio di quasi 300 anni...

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7165
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda maxlinux2000 » 13 lug 2015, 13:48

Seconodo me, si tratta semplicemente di un problema di ventilazione.

Prima con le finestre normali c' erano un sacco di spifferi e quindi il ricambio d' aria era assicurato.
Adesso tutte le finestre e porte moderne, sono quasi ermetiche, e quindi il ricambio d'aria è molto difficile.

Io fossi in te farei una prova in piccolo con uno scambiatore di calore ad aria, nella stanza che maggiori problemi ti da.
Lo costruisci durante questa estate, in modo che sia in funzione per il prossimo inverno.

Se poi vedi che funziona, allora lo rifai in grande per tutta la casa. Altrimenti se non funziona hai speso pochissimo.

Tieni conto che vivere a lungo in un ambiente umido poi ti vengono dolori alle articolazioni e problemi polmonari.

Uno scambiatore di calore artigianale ti costerá 50-100€ max.
Per non fare buchi nel muro, puoi provvisoriamente farti fare in un vetro di una finestra, un foro circolare da 10-12 cm di diametro e attaccare lo scambiatore alla finestra.
Quanto costerá farsi fare un foro dal vetraio?
Poi ti servono 2 ventole a basso rpm, a 220V, alcuni fogli di Polipropilene alveolare, un po' di legno e silicone. Non credo che sia molta spesa.

E se poi non funziona la prossima primavera, cambi il vetro, e cerchi altre soluzioni, ma almento ti togli ogni dubbio.

Mettere prodotti chimici nelle pareti, mi sembra uno soluzione da usare solo in casi estremi, e non mi sembra il tuo caso.
Tra l'altro mettere candeggina nelle pareti dubito faccia bene a chi ci vive in quella casa, anche se effettivamente la muffa non c'è più perché la parete è diventata velenosa, ma se è velenosa per la muffa, chissà perché siamo convinti che noi esseri umani siamo immuni all'ipoclorito di sodio.
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6310
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda Ferrobattuto » 13 lug 2015, 13:54

No no Max, la candeggina non ha contro indicazioni, lo so per esperienza personale. Distrugge le muffe e i batteri per semplice ossidazione, emette ossigeno allo stato "nascente" trasformandosi da "ipoclorito" in "cloruro" di sodio. Il problema semmai è che il cloruro di sodio, che è semplice sale da cucina, e alla fine rimane nel muro e aumenta l'assorbimento di umidità.....
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
mastrovetraio
Moderatore
Messaggi: 2615
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda mastrovetraio » 13 lug 2015, 14:06

Io per tenere a bada il problema (finchè non farò il lavoro serio) uso il deumidificatore (assorbe 400watt, ma rende !) ed una lampada ad ultravioletti per assassinare le muffe. Riguardo ai deumidificatori "artigianali" semplicemente NON esistono. Sono accrocchi dal funzionamento molto dubbio, a meno di non usare gel di silicio che però costa, ha una durata limitata e richiede lavoro continuo ed energia per disidratarlo periodicamente. Alla fine è mooolto più economico e pratico il deumidificatore, quello vero.

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7165
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda maxlinux2000 » 13 lug 2015, 14:27

Vabbè mastro, ma tu vivi in una zona dove se scavi con un cucchiaio trovi una fonte di acqua :D :D

Io parlo di casi normali... infatti MD_ dice:

All'inizio (appena siamo andati ad abitarci dentro) ... era periodo invernale .. e si creava TANTISSIMA umidità attorno ai serramenti (in legno) che trasudavano parecchio e si creava molta umidità sul muro attaccato al serramento su tutti e 3 i piani ... si erano anche creati dei puntini di muffa tutto attorno ... ma che ho pulito con candeggina ed non è più ricomparsa ....


E si capisce che intervengono questi 3 fattori:

1. Casa restaurata, quindi probabilemnte ben fatta e con pareti decentemente isolate
2. Inverno (quindi riscaldamento acceso)
3. Finestre nuove (quindi niente spiferi)

Per la differenza di calore si forma condensa attorno alle finestre, e quindi è un paradiso per le muffe.
Ma basta che ci sia un minimo ricambio di aria per evitare la condensa, e quindi il proliferare di muffe.
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
MD_CORPORATION
Messaggi: 114
Iscritto il: 11 feb 2015, 16:03

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda MD_CORPORATION » 13 lug 2015, 15:42

Dunque:

Vi posso confermare che tenendo il più possibile aperto le muffe si fermano facilmente quindi anche io sono del parere che sia solo una questione di ricircolo ...

Vorrei approfondire l'argomento sul come creare lo scambiatore di calore ... se possibile...

Partiamo dal fatto che i miei vetri dei serramenti sono nuovi di pacca a doppio strato con tanto di argon ... quindi di forarli preferirei non parlarne :))) .... i muri come già detto sono spessi anche 1 metro ... con Pietra degna di una "P" maiuscola... perciò forare non è così semplice ... dovrei ricorrere a carotatrice ad acqua senza tener conto del disastro che mi farebbe ....

quindi: vi sono altre vie di fuga nel posizionare questo "scambiatore" oppure mi metto l'anima in pace e mi preparo a carotare il muro ?

....dettagli maggiori su come è costruito questo scambiatore?

Grazie a tutti dei preziosi consigli.

Avatar utente
mastrovetraio
Moderatore
Messaggi: 2615
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda mastrovetraio » 13 lug 2015, 15:55

uno scambiatore di calore aria/aria è detto "intercooler" e si trova nelle auto e/o camion con il turbo. Allo sfascio spendi poco.

Avatar utente
MD_CORPORATION
Messaggi: 114
Iscritto il: 11 feb 2015, 16:03

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda MD_CORPORATION » 13 lug 2015, 15:58

scusa l'ignoranza in ambito motori: ma intendi il "comune radiatore" ?

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7165
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda maxlinux2000 » 13 lug 2015, 16:50

se vuoi fare un esperimento per questo inverno, potresti pensare di sostituire uno dei vetri della finestra con un altro "normale" forato. Quello buono lo metti da parte in attesa della fine dell'esperimento.

Inoltre dovresti avere in cucina uno o 2 buchi già fatti per lo scambio dell'aria... qui in spagna sono obbligatori se hai una cucina a gas, uno a raso terra e uno in alto per la cappa.

Ma se vuoi fare una cosa seria, allora lo scambiatore di calore va messo in soffitta, e quindi l'aria la prendi dal tetto con un piccolo camino
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: Deumidificatore artigianale

Messaggioda jpquattro » 13 lug 2015, 22:31

Vorrei intervenire, ma nella discussione si sono sovrapposti più problemi e più idee diverse.
A mio giudizio l'umidità che il nostro amico vede ha due origini, una parte abbastanza importante viene da condensa, dovuta alle differenze di temperatura e all'umidità che si produce naturalmente (respiro, cucina, ecc...) una parte minore (quella che è riapparsa in basso, fino a 30 cm dal pavimento) sembra essere umidità di risalita, umidità del terreno che viene assorbita dalla muratura e risale per capillarità. Su questo tipo di umidità qui a Pisa siamo esperti. Praticamente tutte le case hanno vistosi segni di umidità di risalita fino alle finestre del piano terra.
La falda superficiale è talmente superficiale, che spesso allaga gli scantinati rendendoli inservibili. A casa di mio suocero, durante l'inverno, l'acqua spesso zampillava dal pavimento del garage...
Mettere i elettrodomestici su muretti di mattoni per rialzarli da terra è pratica comune...

Quindi riassumiamo: una parte dell'umidità viene da condensazione. Questa si combatte con la ventilazione, ma data la configurazione inusuale delle temperature lo scambio termico che suggerisce Max mi pare essenziale, magari integrato da un deumidificatore tradizionale.

L'umidità in basso invece sembra proprio umidità di risalita. Per questo l'unica cura (seria) che conosco è il cosidetto taglio chimico delle murature, fatto appunto con l'iniezione di silani alla base della muratura.
E' un tipo di lavoro che ho in programma il mese prossimo a casa di mio figlio (che essendo qui vicino ed essendo di 100 anni fa il problema lo ha).
Per farlo userò un prodotto commerciale... se interessa ti mando le informazioni su quello che intendo fare io (non intendo fare pubblicità gratuita, soprattutto prima di vedere il risultato...)

Paolo

Torna a “Impianti casa”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite