modificare il caminetto del salotto...

Moderatore: CB900RED

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 9 mar 2015, 14:36

Veramente un filo sull'argomento l'ho già aperto io...
blush.gif blush.gif

Paolo

Share This



Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 15 mar 2015, 13:25

Ho acceso il bruciatore 2.0 rifatto usando l'altra metà della solita bombola, ha un focolare più raccolto per bruciare gli ultimi pellet, lo spazio per la candeletta di accensione, ed è previsto un minimo di agitazione per scaricare un po' di cenere.
riesco ad ottenere una fiamma azzurra solo quando la quantità di pellet è modesta, se aumento il pellet, anche se apro l'aria al massimo la fiamma è gialla, rumorosa per eccesso d'aria, ma rimane gialla...
Ho un paio di foto delle "prime fiamme", poi le posto...

Paolo

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 16 mar 2015, 15:01

Se interessano le foto le posto, ma mi sa che debbo passare alla versione 3.0....
Il fatto è che io avevo fatto il bruciatore nuovo cercando di raggiungere alcuni obiettivi:
1) migliorare la distribuzione dell'aria (fra primaria e secondaria)
2) avere una parte bassa del focolare più raccolta in modo da facilitare la combustione degli ultimi residui
3) avere uno scarico meccanico della cenere...
4) inserire l'accensione elettrica (o almeno la predisposizione)

ora per il punto 1) qualche miglioramento c'è stato, la predisposizione per l'accensione l'ho inserita...
Ma per i punti 2 e 3 buio pesto. Ho più residui incombusti di prima e la cenere intasa i fori impedendo lo scarico e alterando la distribuzione dell'aria...

Qualcuno mi da qualche idea?

a proposito dell'aria, con la canna fumaria (4 metri, anche bassa) il tiraggio si divide in due fasi:
1) accensione o riaccensioone (poche braci che debbono riaccendere una nuova carica) il tiraggio è insufficiente e il fumo ristagna.
2) combustione avviata (fiamme visibili, più o meno alte) il tiraggio è eccessivo, la combustione è rumorosa e debbo continuamente intervenire sulla regolazione dell'aria primaria (che sottolineo NON HA VENTILATORI) per moderarlo, il tutto con la valvola dei fumi quasi completamente chiusa...
L'unico posto dove ho visto una valvola per la limitazione dell'aria secondaria è in una tesi di laurea finlandese...

E' strano il mio caminetto, guardo nei posti sbagliati o cosa?

In questo forum ci sono diverse persone che hanno fatto esperienze in questo campo... mi date qualche indicazione, qualche critica?

Paolo

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7164
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda maxlinux2000 » 16 mar 2015, 23:16

Vorrei aiutarti, ma dalle mie parti non si usano stufe... E quando abitavo in italia, non di conosceva ancora il pellet.
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
Niko91
Messaggi: 43
Iscritto il: 21 gen 2015, 9:36
Località: Salerno

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda Niko91 » 17 mar 2015, 10:38

Ciao Paolo,
complimenti per l'iniziativa..certo non è proprio banale ma infondo siamo qui perché siamo ambiziosi ahahahah
non so se riesco ad aiutarti ma ti passo una serie di informazioni derivanti dal fatto che io ho un caminetto a biomassa...
il mio ha alimentazione dal basso....le tue perplessità su come separare la zona di combustione dal serbatoio sono più che giuste...
il mio ha due coclee una che è posizionata sotto al serbatoio e spinge il petllet verso una valvola a stella..che a sua volta cede il pellet ad un'altra valvola a stella e poi cade sulla coclea che spinge il pellet verso il bruciatore...
tale sistema fa si che nella "bacinella" la fiamma è presente nella parte superiore ove c'è una doppia fila di fori dai quali viene fuori l'aria controllata da una ventola...
tale sistema risolve l'allontanamento delle ceneri che man mano che da sotto arriva il pellet vengono spostate al lato del bruciatore...
per quanto riguarda i fumi è normale che in fase di accensione si saturi il camino...poi appena si accende in pochi secondi sparisce tutto....probabilmente in quanto il tiraggio in fase di accensione non può esserci in
quanto i fumi hanno ancora una temperatura molto bassa...
il controllo dell'aria immessa a mio avviso è indispensabile, in quanto ti permette sia di modulare la combustione sia di controllare in qualche modo la permanenza dei fumi stessi all'interno degli scambiatori...in modo da avere basse temperature in canna...
come è mio solito sarò stato caotico ma nel leggerti ho pensato di passarti questa mia piccola esperienza...spero ti possa servire a qualcosa..

un link spero ti sia utile...
http://www.girolamicaminetti.it/wp-cont ... -ARIA2.pdf
ciao
Niko

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 17 mar 2015, 13:53

Ti ringrazio per le informazioni.

Io sto tentando di usare un focolare a gassificazione e, almeno da questo punto di vista, qualche risultato lo sto ottenendo...
Ai medi regimi riesco ad ottenere una fiamma quasi completamente azzurra (anche senza regolazioni elettroniche), quando aumento la quantità di combustibile, la fiamma rimane gialla, pur avendo una combustione intensa ed evidente nella zona di gassificazione.

Forse riesco a fare a meno del doppio ventilatore, e anche dal punto di vista dello scarico cenere, dopo una modifica alla foratura la situazione è migliorata, gli incombusti (char pellet bruciato solo parzialmente) si riducono a un cucchiaio si e no.

Debbo ancora inserire l'accensione elettrica e una sorta di agitatore che dovrebbe contribuire allo scarico cenere...

Sul controllo del tiraggio e dell'aria primaria non avevo dubbi, almeno il mio caminetto lo richiede, vedere che altri prodotti commerciali lo hanno mi rassicura un po'...

La coclea vorrei farla un po' diversa, con la valvola a stella fra serbatoio e coclea e a valle una valvola a settore che la tiene chiusa per il 60% della rotazione, la mia coclea si dovrebbe fermare sempre con l'estremo caldo "chiuso" da questa valvola, ad ogni giro si apre, scarica una dose di pellet, si chiude e si ferma chiusa. Sembra complicato ma sono solo due rondelle opportunamente sagomate...

Paolo

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 18 mar 2015, 11:42

ancora sulla questione ventilatori...

Sto guardando il sito del mio spacciatore di surplus...
trovo:
ventilatori assiali da 30-40 Watt 24 volts, 1.3 o 2A da 400 mc/h diametro 140, dieci euro +o-.... ci faccio la ventilazione dello scambiatore
Ventilatori a due stadi (!!! MAX ma che hanno letto il tuo post e hanno deciso di farmi bugiardo? :D ) dia 80 12V 7A i due motori sono separati, 10 euro probabilmente mi va bene per l'aria primaria
motoriduttori a 12 o 24 volt tipi vari... coclea, valvola aria, griglia cenere...

Fare un regolatore pwm forse è più semplice che un regolatore per motori a CA?

Conosco il fornitore e è tutta roba buona... con il prezzo del motoriduttore della coclea compro tutto e me ne avanza...

Che dite? Ordino?

Paolo

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7164
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda maxlinux2000 » 18 mar 2015, 20:56

metti l' indirizzo del tuo "spacciatore" di surplus :D sicuramente fa comodo anche ad altri.... a meno che non intendi surplus.it ...che lo conosciamo molto bene :D

ciao
MaX
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 18 mar 2015, 22:10

Si, è lui, anche se io l'ho sempre conosciuto come electronicsurplus.it... sempre lui è....
Ma fammi capire chi è pure a me... : Question : : Question :

Ci ho comprato un po' di cose anche in passato... e poi è romano, ho parenti a Roma (ci sono nato) ma anche amici, se serve posso sempre mandare qualcuno...

Paolo

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 23 ott 2015, 9:13

Dopo i problemi di salute (che dovrebbero essere in via di soluzione, spero), vorrei riprendere questo progetto, che era stato messo in soffitta con l'arrivo della primavera (scusa un po' balorda, ma con l'arrivo del caldo a me non viene voglia di lavorare su un bruciatore...).

Il mio programma per questa fase è:
- finire la coclea di alimentazione
- finire il bruciatore
- fare lo scambiatore di calore.

Il post l'ho messo per "tirare su" il filo e riprendere la discussione...

Io intanto vado a mettere ordine in laboratorio...

Paolo

Avatar utente
mastrovetraio
Moderatore
Messaggi: 2602
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda mastrovetraio » 23 ott 2015, 9:58

"Mettere ordine in laboratorio"..........la mia dolce metà me lo chiede a giorni alterni.....ma il mio concetto di ordine non ha nulla a che vedere con il suo. Buona giornata, Paolo

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 23 ott 2015, 10:20

Dovresti vedere in cosa debbo mettere ordine!

No, non ci crederesti neanche se vedi. La mia di metà ha rinunciato ad entrarci. Manda me a caricare la lavatrice...

Paolo

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 23 ott 2015, 10:32

Intanto domandina:
Il prefabbricato del caminetto è costruito con quel conglomerato cementizio granuloso... Per far passare la coclea ovviamente lo devo forare e dopo chiudere il foro.
Il foro debbo farlo un po' abbondante altrimenti non riesco a far passare la coclea.
Sul rivestimento in ferro ci metto una piastra e va bene, ma il conglomerato con cosa lo ripristino?

Paolo

Avatar utente
mastrovetraio
Moderatore
Messaggi: 2602
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda mastrovetraio » 23 ott 2015, 12:39

Fibra ceramica. Oppure se il buco lo fai con fresa a tazza, ti viene fuori un "tappo" che puoi rimettere.

Avatar utente
CB900RED
Moderatore
Messaggi: 806
Iscritto il: 26 mag 2013, 17:23
Località: ravenna

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda CB900RED » 23 ott 2015, 12:50

ciao jpquattro io nel primo caminetto per fare i fori di passaggio dei tubi
usai una punta a tazza da 60 mm per il passaggio dei tubi da 1"
cosi' avevo anche un po di margine per le inclinazioni
pero' non ho usato la percussione con un po' di pazienza ......
poi per chiudere puoi usare anche un tappo fatto da un mattone refrattario cosi' non si spacca con il calore e della lana di ceramica per chiudere le eventuali fessure restanti
poi per quanto riguarda la coclea devi prevedere che l'aria della ventola soffi anche dentro la stessa per mantenere pulita da residui di polvere evitare che quando si ferma il pellet che resta dentro alla coclea faccia combustione tramite la polvere.........
un saluto cb900red

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 23 ott 2015, 13:38

Ciao.
Il mio tubo è da 2" (la coclea era di quella misura...) e lo debbo infilare storto, perché lo spazio è poco, poi, quando è entrato lo posso mettere nella direzione giusta...
La conseguenza è che il buco sarà di qualche centimetro più grosso.
Il foro lo farò con la fresa a tazza (per i lavori fatti da mio figlio ne ho una dote quasi completa, fino al 110 mm... ) ma, sarà storto pure lui, perché la parete è obliqua... usare cemento refrattario con inseriti pezzi di mattoni refrattari o fibra ceramica?

Riguardo all'aria soffiata nella coclea, tranquillo... è una delle cose che, dopo la nostra chiaccherata, mi sono segnato :D

Paolo

Avatar utente
mastrovetraio
Moderatore
Messaggi: 2602
Iscritto il: 25 nov 2012, 14:01
Località: provincia di Ferrara
Contatta:

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda mastrovetraio » 23 ott 2015, 14:57

Se inzeppi fibra ceramica un domani è facile toglierla per farci ripassare la coclea, mentre con refrattario e cemento........

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 25 ott 2015, 11:56

Tu dici che basta "inzepparla" per avere una buona tenuta (il caminetto sarà quasi certamente sempre in depressione, quindi il problema eventualmente è l'aria che entra, non i gas che escono...)?
Per refrattario e cemento esiste sempre lo scalpello...

altro problema sono i ventilatori.

Io per ora mi sono accattati questi:
Immagine

Questa è potente e silenziosa, ha una portata di circa 480 m^3/h, sovrabbondante per tutti gli usi, ma so poco sulla sua pressione di uscitae va a 24V (ma anche a 12 da una bella portata), è molto grossa.

Immagine

Questa è un vero turboreattore, assorbe il doppio della precedente, fa un Kasino pazzesco, ha sicuramente più pressione della precedente, ma niente dati...

Ora a me ne servono due di ventole, una deve fornire aria primaria e secondaria al camino (se separo primaria da secondaria, allora ne servono 3).
La portata massima teorica richiesta è nell'ordine di 50 m^3/h (facciamo almeno 100 va...) può essere pure grossa, tanto deve soffiare sotto il braciere, posto ne ho...
Qui quindi la ventola SAN, con un controllo proporzionale, ci va bene: tanta portata, poco rumore, facilità di controllo...

La seconda deve soffiare nello scambiatore, che, essendo una serpentina di tubo da 2" con una conduttura lunga dietro, ha una discreta perdita di carico...
Ci andrebbe la ventola a due stadi, ma fa troppo, troppo rumore e consuma 7 A (!!!!)... non ci siamo...
Forse potrei mettere una ventola centrifuga a 220V, tanto può funzionare a "tutto o niente"... Ma non ne ho trovata una adatta (leggasi abbastanza economica...), almeno per ora...

Paolo

Avatar utente
jpquattro
Moderatore
Messaggi: 742
Iscritto il: 26 gen 2015, 20:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda jpquattro » 25 ott 2015, 16:30

Facendo una nuova ricerca su Ebay, per lo scambiatore avrei trovato un centrifugo tutto metallo, 80 Watt, 230 m^3/h... meno di 40 € + spedizione.... quasi quasi lo ordino....

Avatar utente
Arex
Amministratore
Messaggi: 6968
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: modificare il caminetto del salotto...

Messaggioda Arex » 25 ott 2015, 18:49

Scusa ma .. il centrifugo lo vuoi usare per lo scambiatore ambiente? Non mi sembra molto adatto ... di solito mi pare che si usino i tangenziali ...
(Qualsiasi cosa da me pubblicata viene esclusivamente fatta per uso privato,e nella mia proprietà, per studio e/o per hobby)
Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate. (Higdon)(Arthur Bloch)
E poi ti trovi che un giorno sei tu ad avere l'arma ma non spari, perché colpire chi ti ha ferito non te ne importa più nulla. _Alda Merini_

Share This


Torna a “Stufe e caldaie legna pellet (home made)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite