vernice poliuretanica fai da te

Moderatore: jpquattro

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6240
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: vernice poliuretanica fai da te

Messaggioda Ferrobattuto » 25 mag 2016, 18:55

Il solvente poliuretanico di solito ha circa quel prezzo anche in coloreria.
Io ci ho sciolto dentro del polistirolo solido trasparente, ossia praticamente tutte le scatolette trasparenti di cioccolatini o caramelle che siano di plastica cristallina e fragile.
NON è adatta come impregnante per il legno, in quanto asciuga troppo velocemente, a meno di farla enormemente diluita in modo che la assorba immediatamente. Però io preferisco il normale impregnate all'acquaragia..... È anche più duraturo e resistente.
Occhio che il diluente poliuretanico asciuga velocissimamente, per cui se ci impregni la carta poi devi usarla subito, altrimenti ti si secca in mano. Ma immagino che farai delle prove.... Sia per la diluizione che nell'uso.
Ti conviene usare dei barattoli di vetro, e non roba in plastica, perché le scioglie molto tipi, e deve potersi tappare molto bene.
Il polistirolo solido in pezzi o scaglie o schegge impiega diverse ore a sciogliersi, e se i frantumi sono molti e appena coperti di diluente impiegherà addirittura più di un giorno, poi avrai una sorta di "colla" (adattissima ad incollare tutto ciò che si rammollisce con l'acetone) piuttosto densa.
Il polistirolo espanso invece si scioglie quasi immediatamente, specie all'inizio se il diluente è ancora quasi puro, ma di espanso ne serve un volume pazzesco. :lol:
Se vuoi farci dei carri carnevaleschi con la carta, poi devi verniciarli con vernice nitro, ma occhio che non ti sciolga anche la carta sotto. ;)
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Share This



Avatar utente
Megatron
Messaggi: 105
Iscritto il: 20 nov 2015, 1:21

Re: vernice poliuretanica fai da te

Messaggioda Megatron » 28 mag 2016, 23:17

bello questo tread :-) , avevo fatto qualche esperimento anche io a riguardo qualche tempo fa , anche se l idea non era quella di produrre della vernice ma un combustibile piu denso , il napalm! o meglio la versione piu "moderna" data da polistirene benzina e diluente che serviva a ottenere una miscela meno volatile per essere scagliata molto piu lontano e bruciare piu a lungo , chiaramente nel napalm ci si mettevano anche delle sostanze micidiali come il fluoro e altre cosette che ne aumentavano in maniera mostruosa la temperatura di combustione .. cmq , lasciamo perdere il napalm ... mi resi conto che la soluzione derivata da questa miscela poteva essere utile per alcuni scopi come ad esempio collanti impermeabilizzanti pero mai avrei pensato si potesse ottenere una vernice di qualità e che qualcuno ci avesse verniciato addirittura delle carrozzerie con risultati cosi stupefacenti , dopo aver visto questo forum credo che mi rimetterò a giocherellare con il polistirolo :-)

cmq il napalm di base è ottimo come accendi fuoco :-)

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6240
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: vernice poliuretanica fai da te

Messaggioda Ferrobattuto » 29 mag 2016, 10:10

Megatron ha scritto:......cmq il napalm di base è ottimo come accendi fuoco :-)

Il napalm resta quello che è: una delle peggiori e più schifose armi contro gli esseri umani (e anche contro tutto il resto.....) che siano mai uscita dalla perversità umana. :angry:
Come accendifuoco invece posso darti un'idea molto migliore, soprattutto più pulita e meno fumosa: Stricia di straccio vecchio larga 4 o 5cm, lunga 40 o 50cm, "acciaffata" alla meglio per il senso della lunghezza e legata al centro con uno spago, poi immersa nella comune cera da candele (o da "moccolotti") fusa a temperatura molto liquida. Quando smette fi "friggere" fuori l'aria e l'umidità la estrai dalla cera e la lasci sgocciolare bene. Hai ottenuto qualcosa che funziona meglio della diavolina.
È qualcosa che viene da moooolto lontano: precisamente dalla prima guerra mondiale, quando i soldati dovevano mangiare nelle trincee il rancio freddo nelle gavette. Da casa insieme con la posta gli arrivavano questi "scaldarancio" fatti dalle famiglie in casa (o fatte dai bambini delle scuole elementari come "applicazioni tecniche") con quanto riuscivano a rimediare: stracci, carta di giornale "acciaffata", cera o sego o strutto o qualsiasi cosa fondesse e bruciasse.
Lascia perdere il napalm, dai retta a me..... Lasciamolo finire nell'oblìo. Il suo uso nel Vietnam non ha certo fatto onore all'esercito americano......
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Share This


Torna a “Varie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite