Faccio un isola invece di un grid connected!

Moderatore: maxlinux2000

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 9 ott 2013, 23:28

Ferrobattuto ha scritto:Che tipo di banco sarà quello da 600Ah?


Trazione pesante (muletto)

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da Ferrobattuto » 10 ott 2013, 9:00

Trattandosi di entrambi i tipi di accumulatori ad elettrolita liquido in teoria potresti lasciarle tranquillamente in parallelo, ma in realtà dovrai monitorare molto spesso lo stato di ogni singola batteria da trattore e di ogni singolo elemento dell'altro banco, in quanto se uno degli elementi si guasta e va in corto (più facilmante in quelle da trattore.....) tutta l'energia dell'altra serie si riversa su quelle, con conseguenze facilmente immaginabili..... Specialmente a 48V.
Il parallelo, soprattutto in banchi composti da differenti tipi di accumulatori, è sempre un'incognita..... Si può fare con tranquillità solo con elementi della stessa età e della stessa partita di fabbrica, in altri casi conviene tenere il tutto sotto stretto controllo. Ovviamente sempre con l'interposizione di fusibili rapidi e di amperaggio adeguato.
L'alternativa è il parallelo con diodi, ma comporta un sacco di problemi.... Per questo c'è già una discussione aperta.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 18 ott 2013, 19:29

Allora piano piano stò finendo di montare tutto... le batterie da muletto arriveranno la prossima settimana e per ora sto facendo un pò di prove con quelle da trattore.
Oggi ho montato i nuovi diodi e collegato finalmente tutti e dodici i pannelli in 6 stringhe da due, ogni stringa è parallelata con le altre attraverso un diodo Skhottky MBR20150 (20A 150V)
Appena collegato il tutto ho notato però che la tensione all'ingresso del regolatore pwm rasentava i 120V anzichè stare sui 60 come dovrebbe!!! allora ho scollegato i pannelli dal regolatore e a circuito aperto venivano giù 75V circa, quindi i pannelli sono collegati bene!
Sono arrivato alla conclusione che i 120V siano colpa delle spurie del PWM poi rettificate dai diodi delle stringhe.
E ora che faccio? metto un'elettrolitico in parallelo all'ingresso regolatore?

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7258
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da maxlinux2000 » 18 ott 2013, 19:40

ma il tuo apparato non ha un regolatore pwm interno? non è possibile che sia guasto/configurato male, il volmetro interno all' inverter-regolatore?

il manuale dice di collegare le batterie prima o dopo i pannelli?
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da Ferrobattuto » 18 ott 2013, 20:16

Probabilmente stai misurando la tensione con un voltmetro digitale, oppure è uno digitale incorporato al regolatore. Prova a misurare la tensione con un tester analogico.... E comunque io al tuo posto la prova col condensatore la farei, ma non elettrolitico, uno di grossa capacità non polarizzato. Oppure un elettrolitico di quelli "veloci".
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 18 ott 2013, 20:50

La cosa è strana lo so, domani faccio una misura con l'oscilloscpio in parallelo all'ingresso pv del regolatore e vediamo che ne esce, posto una foto.
Comunque oggi mentre scorrevano 13A dai pannelli sia il software dell'inverter/regolatore che il tester digitale leggevano la stessa tensione cioè 120V.. la cosa mi ha un pò preoccupato perche la VOC max del regolatore è di 125V, ho messo un'elettrolitico "volante" da 100uF 350v in parallelo ai cavi dei pannelli e la tensione è scesa a 62V.
Per questo dò la colpa al pwm.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da Ferrobattuto » 18 ott 2013, 20:55

Già..... Dimenticavo che a te sia di strumenti e di "conoscenza" sull'argomento non te ne mancano di certo..... :lol:
Ho visto il tuo shack.... Mostruoso! :woot:
E disordinato quasi quanto il mio laboratorio! :lol:
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 18 ott 2013, 21:24

A disordine non mi batte nessuno vai tranquillo, ora un pò meno, il tempo manca! ma ai tempi che il saldatore fumava....haha!
Qui ci vorrebbe Bridge, il mio mondo parte dai 10 GHz a salire... ma qui ci vuole il nostro uomo delle zona sei!
Di sicuro sarà impegnatissimo tra i meandri di qualche circuito.

Bridgeeeeee vieni fuori!

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 19 ott 2013, 16:59

Oggi non ho fatto nulla, sono stato in moto con gli amici e sono tornato alle 16 quindi nada.
stamattina però prima di partire alle 9.30 l'impianto caricava 24 Ampere, la tensione era corretta ma ho notato che l'elettrolitico in parallelo all'ingresso pv era caldo, quindi ho staccato i pannelli e sono andato via.
Domani non mette bel tempo in Toscana cmq proverò con più condensatori in parallelo per abbassare l'ESR, purtroppo al momento non ho roba non polarizzata, vediamo che succede.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da Ferrobattuto » 19 ott 2013, 19:32

Prova a mettere in parallelo all'elettrolitoco un condensatore da un paio di micro da 250 Volt, di quelli ex schede TV o similari.... Di solito sono "veloci". Quello assorbe i picchi e l'altro fa da "serbatoio". Di solito è un disreto espediente negli switching.... Tanto il regolatore difficilmente funzionerà al di sotto dei 20 o 30KHz.... Sicuramente intorno ai 50 o più.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 19 ott 2013, 22:14

Mah.. non ho fatto misure con l'oscillografo, le farò domattina, comunque ad "orecchio" la frequenza del pwm mi pare molto più bassa, direi intorno ai 200-300 Hz.
Prima avevo solo 8 pannelli collegati e come diodi avevo usato roba recuperata da alimentatori da pc e il problema non c'era, anche se a batterie cariche la tensione letta dal sw dell'inverter era di 80-82V (i pannelli li danno per 37v voc, non dovrei superare i 74V) quindi qualcosina di strano c'era anche prima, ma ora con gli MBR20150 e le altre due stringhe attaccate sono andato anche a 129V per qualche istante, non è successo nulla nonostante la Mpp solar dichiari 125V massimi sull'ingresso pv.
Sembra che con questi diodi il tutto si comporti da duplicatore, oltretutto il regolatore ha una sorta di "soft start" cioè fà salire l'assorbimento piano piano, ho notato che finchè non si superano i 10-15 ampere la tensione rimane alta, non mi piace.
Probabilmente si viene a creare un'effetto "duplicatore a diodi" per via dei tre diodi di bypass contenuti nella scatolina di ogni pannello più gli MBR20150 in serie ad ogni stringa.
Potrebbe essere così?

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 20 ott 2013, 11:20

Ecco le foto:

Senza condensatori, in questo caso la tensione è normale (58V)
DSCN3069.jpg
foto1
DSCN3069.jpg (71.6 KiB) Visto 588 volte


Con 4x150uf/450V in parallelo all'ingresso PV:
.
DSCN3071.jpg
foto2
DSCN3071.jpg (62.09 KiB) Visto 588 volte

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 20 ott 2013, 11:24

Ed ecco il caso della tensione anomala, sempre senza elettrolitici:

DSCN3075.jpg
DSCN3075.jpg (58.84 KiB) Visto 588 volte



La foto è mossa ma gli impulsi del PWM sono a 78V! :sick:

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da Ferrobattuto » 20 ott 2013, 11:31

Così, "ad orecchio", credo che ti convienga collegare all'ingresso de PWM qualcosa di simile ad un filtro di rete..... È evidente che c'è qualche "ritorno" o "risonanza" dal lato pannelli.
Comunque, che io sappia o ricordi, un effetto simile non è stato osservato da altri prima d'ora. Ma è anche vero che di solito ci si preoccupa di cosa c'è "dopo" il regolatore, e non "prima". :lol:
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 20 ott 2013, 12:02

E' chiaro che se non ci fossero i diodi in serie gli impulsi andrebbero a "scaricarsi" sui pannelli e la cosa non sarebbe evidente.
In ogni caso la cosa non mi preoccupa più di tanto, quando monterò l'altro regolatore mppt il problema dovrebbe sparire.

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 23 ott 2013, 19:17

Oggi ho provato a mettere un condensatore al poliestere da 3,3 uF / 275V.
Questo è stato l'andamento della tensione dalle 15 alle 16, le batterie erano in float con meno di 1A di assorbimento, era nuvoloso ma ad un certo punto c'è stata una schiarita e si vede la tensione superare i 110V :sick:

tensione_pv.jpg
tensione_pv.jpg (84.7 KiB) Visto 566 volte



Senza il condensatore la tensione avrebbe superato i 125V sicuramente :cry:
Domani provo con 2x 3,3 uF, vediamo come và.

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 26 ott 2013, 13:33

Allora di 3,3 uF al poliestere ne ho messi tre in parallelo, la tensione non ha mai superato i 100V ;) non scaldano, va bene così.
Lunedì mi portano le batterie definitive, alla fine ho preso un banco da 760 Ah C5 a 48V, ci sono anche i ponticelli flessibili.
Appena avrò monato le batterie collegherò il FlexMax 80 e le stringhe le faccio da tre pannelli. I diodi da 150V saranno troppo al limite??

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da Ferrobattuto » 26 ott 2013, 13:39

Secondo me si, visto come stanno le cose ti converrebbe mettere diodi da almeno 200-250V inversi.....
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
iw5el
Messaggi: 115
Iscritto il: 26 ott 2012, 20:51

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da iw5el » 27 ott 2013, 16:24

Allora li cambierò tanto la caduta di tensione non sarà più così importante.

Avrò il problema dei fusibili sulla batteria, ho dei fusibili da 125A "mega" così c'è scritto. si montano con due viti m8. andranno bene?

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7322
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Faccio un isola invece di un grid connected!

Messaggio da Ferrobattuto » 28 ott 2013, 13:25

Sono tipo questi?

Fuse mega.jpg
Fuse mega.jpg (23.29 KiB) Visto 578 volte


Penso che vadano bene..... Senz'altro non ci saranno falsi contatti dati da faston o incassi vari, che di solito hanno la tendenza ad ossidarsi.
Se fossero del tipo "rapido" sarebbe meglio.
Non lasciarli "volanti", ossia imbullonati da una parte al morsetto e dall'altra al cavo, senza niente a sorreggerli, si rischiano rotture e interruzioni. Meglio una "base" in plastica (o vetronite... ;) ) rigida che impedisca loro di flettere.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Rispondi

Torna a “Solare fotovoltaico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: eneo e 21 ospiti