il mio impianto ibrido offgrid

Moderatore: maxlinux2000

Avatar utente
bodo81
Messaggi: 597
Iscritto il: 23 set 2011, 11:19

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da bodo81 » 15 nov 2016, 20:46

Dolomitico ha scritto:ok,che si possono paralelare,e visto il costo quasi quasi conviene

basta che la SMA non lo viene a sapere, se no alleluia garanzia.....hanno specificato che lo loro batterie non sono idonee a essere messe in parallelo e se ciò avviene decade la garanzia

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1839
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da eneo » 16 nov 2016, 12:37

Esatto bodo da evitare il parallelo delle batterie sma, oggi finalmente sole e ho approfittato di una bella equalizzazione di 2 ore a 30.5v. La linea di carica ora e' meno ripida e piu' costante. Ora dovrei buttare meno energia e il sistema e' piu' equilibrato, l'anello debole erano le batterie ora con 240ah gia' va molto meglio.
Peccato che il mercato del piombo ha avuto un netto rialzo con conseguenza di aumento di prezzo. Avrei fatto un pensierino per un sistema a 48v.
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2035
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Dolomitico » 16 nov 2016, 17:28

Ma se si parallelano con i diodi...equivale a un non parallelo,ovvero si il parallelo cè,ma non è un parallelo secco,e in ogni caso se lo farei lo farei con batterie e pannelli separati,e poi il tutto all'inverter.
Per il mercato del piombo....mi sa che con tutti questi impianti a isola non può essere che cosi....Immagina se solo il 30% della gente in Italia si facesse un'impianto a isola con una media di 400ah a 24v quanto piombo servirebbe.
Mi sa che per continuare su questa strada si devono esplorare anche altre chimiche di accumulo....

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2035
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Dolomitico » 16 nov 2016, 18:07

Guardate cosa ho trovato girando sul tubo,è una vecchia pubblicità della tia batteria Eneo,ma quello che ha catturato la mia attenzione è al minuto 1:16...
https://www.youtube.com/watch?v=GcpXPiNO0MM

Fanno ricariche fino a 2.8v per cella,se non ho visto male,sono 16.8v in totale,con scariche fino a appena sotto i 2V.
Quindi scariche al 50% e ricariche a ben 2.8V per cella,che ne dite?pubblicità rivelatrice? ^_^

Avatar utente
bodo81
Messaggi: 597
Iscritto il: 23 set 2011, 11:19

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da bodo81 » 16 nov 2016, 21:09

non so, secondo me quelli sono dei cicli di test o addirittura i primi cicli di formazione delle piastre, se tu fai caso ogni ciclo ha una durata di 10 minuti, quindi per caricare e scaricare la cella in solo 10 minuti vuol dire che usano amperaggi molto alti, e a questo punto sono cicli di formazione

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1839
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da eneo » 17 nov 2016, 8:52

Sono dei test di resistenza ciclica almeno da quello che si vede dal filmato.
Tornando sul discorso delle mie nuove batterie mac c heavy duty ieri sera alle 24 segnavano ancora 25v e stamattina l'impianto ancora funzionava, segno che non sono scese oltre i 24.5v.
L'Ingegnere della Sma, gentilissimo, mi ha mandato i test e i grafici della batteria in questione con carichi in c5 e c20, utilissimo per me che non avendo il soc per settare lo stacco e il ritorno su enel.
Le batterie vengono scaricate fino a 10.5v in c5 con 38A di carico hanno fornito quasi 196ah, mentre in c20 con carico da 12A hanno fornito 256Ah.
Dal grafico si vede la linea che fino a 11.5v e' quasi lineare poi inizia a curvare fino a 11v e poi cala drasticamente sui 10.5v.
Hanno tolto di produzione la serie compact e le ut240, peccato, per me hanno fatto una cavolata, visto l'ottimo rapporto prezzo qualita', tralasciando il caso di bodo, le lamentele sono state ricevute dai tanti possessori dei pip. Speriamo che non tolgano anche la serie mac c.
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2035
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Dolomitico » 17 nov 2016, 16:31

Saranno anche test ciclici,ma a me basta osservare che voltaggi usano...
Mi spiace che abbiano eliminato praticamente tutte le trazione leggera...Ma perchè le hanno tolte?Per via dei reclami dgli utilizzatori dei pip dici?
In realtà non vedo perchè debba essere diverso quello che riscontri con i voltaggi,con tutti i pannelli che hai,e un'inverter da 1000va è normale che tu possa viaggiare offgrid su quel ramo,io ho 2 gionri di autonomia con le mie,all'occorrenza sposto i carichi,ovviamente raddoppiando la capacità hai meno perdite sulla scarica,e quindi anche i voltaggi in cc sono maggiori.
Adesso ti manca una piastra elettrica da 3/500w per farti il caffè/latte caldo/tè ecc ecc :)

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1839
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da eneo » 17 nov 2016, 20:51

Dolomitico ha scritto:Adesso ti manca una piastra elettrica da 3/500w per farti il caffè/latte caldo/tè ecc ecc :)


C'e' il microonde.... :lol: :lol: tranne per il caffe'.
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1839
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da eneo » 15 dic 2016, 12:28

Siamo a cavallo del periodo piu' corto e freddo dell'anno, fortunatamente ho sempre sole, con il garage non riscaldato che scende la notte sui 10°c. L'impianto stacca prematuramente con le batterie caricate di giorno, le soglie di stacco sono sempre le stesse, deve esserci qualche relazione sulla tensione e temperature basse, ho trovato in rete documenti sui rendimenti/temperature e sulla compensazione nella fase di carica, sullo stoccaggio delle batterie ma niente sulla tensione. A mio avviso ho abbassato la soglia di stacco con le basse temperature, se prima mi dava 1 kwh di energia adesso almeno deve darmi 800wh dopo il tramonto.
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6414
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Ferrobattuto » 15 dic 2016, 12:54

Osservazioni interessanti. Spero di poterle fare anche io a breve, ma ci vorrà ancora un po'......
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2035
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Dolomitico » 15 dic 2016, 14:24

Se ti può essere utile ho notato che sulle agm che ho collegato al epsolar ho notato che in estate abbassa la tensione che standard è a 25° di 14.7V,con il caldo arriva 14.4v e non di più,mentre in inverno con 10° arriva tranquillamente a 15v in ricarica.
E chiaramente a 10° hai perso un 10% di capacità circa,le trojan sui manuali lo rportano,e penso che sia applicabile per tutte,sicuramente sulla Agm lo noto anch'io,sotto carico la tensione è più bassa che in estate,come se le reazioni interne facessero più fatica...
Per dare un'esempio in estate o cmq con temperature miti con un carico da 5ah la tensione si stabilizza sui 12.5V,mentre adesso è normale vederla sui 12.2v o meno...

Avatar utente
bodo81
Messaggi: 597
Iscritto il: 23 set 2011, 11:19

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da bodo81 » 16 dic 2016, 0:03

eneo ha scritto: L'impianto stacca prematuramente con le batterie caricate di giorno, le soglie di stacco sono sempre le stesse, deve esserci qualche relazione sulla tensione e temperature basse, ho trovato in rete documenti sui rendimenti/temperature e sulla compensazione nella fase di carica, sullo stoccaggio delle batterie ma niente sulla tensione. A mio avviso ho abbassato la soglia di stacco con le basse temperature, se prima mi dava 1 kwh di energia adesso almeno deve darmi 800wh dopo il tramonto.


e tutta questione di rendimento più basso, anche le mie sono scese, ce poco da fare.....
se hai il sensore temp la compensazione la fa da solo il regolatore, io come fine carica sto a 29.5V ma adesso con il freddo me le porta da solo a 29.8V
"la capacità nominale di una batteria al piombo diminuisce drasticamente con l’abbassarsi della temperatura, basti pensare che passando da 25°C a 0°C si ha mediamente una riduzione di capacità nominale di quasi il 30%."

temp-bat.JPG
temp-bat.JPG (44.16 KiB) Visto 1863 volte

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2035
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Dolomitico » 17 dic 2016, 20:28

L'importante è non scaricarle troppo,con il freddo le reazioni sono più lente,ma allo stesso tempo la vita utile aumenta per via della meno superfice interessata,viceversa con il caldo la capacità aumenta per via dell'elettrolito più fluido,che penetra maggiormente,se si va sottozero,ma parecchio ci sarebbe anche il rischio congelamento....ma non credo sia il nostro caso....Si potrebbe scaldare le batterie.....una bella termocoperta.... :P :P :woot:

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1839
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da eneo » 18 dic 2016, 18:32

Si dolomitico, percio' le batterie vengono immagazzinate in posti freschi per via dell'autoscarica ridotta, e' una questione di chimica, dei fluidi, con temperature sui 10°c perdo un 20% di capacita' (come da grafico postato da Bodo) e le soglie di fine carica e le soglie in scarica aumentano, nel mio caso di circa 0.3-0.4v.
Dopo nemmeno un'ora dal tramonto ho gia' le batterie a 24.3v ma da qui ai 24v di stacco passano parecchie ore, dopo a riposo segnano 24.5v. Le batterie vengono caricate al 100% ogni giorno.
Mah... una termocoperta non credo serva, il consumo della stessa supera l'aumento della capacita' a 25°c, piuttosto basta usare le batterie in maniera corretta agendo sui vari parametri...per il resto....
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6414
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Ferrobattuto » 18 dic 2016, 19:13

eneo ha scritto:....Le batterie vengono caricate al 100% ogni giorno......

Per curiosità: che tensione hai a fine carica?
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2035
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Dolomitico » 18 dic 2016, 19:55

La termocoperta era una battuta,figurati se vado a scaldare le batterie,semmai le isolerei dall esterno,anch io le ho in soffitta al freddo,pero ho la tensione di fine carica a 15.4volt...
Adesso però la mia priorità è tenerle ben cariche con dei carichi minimi,poi quando il sole si rialza si riparte...

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1839
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da eneo » 18 dic 2016, 20:35

Ferrobattuto ha scritto:Per curiosità: che tensione hai a fine carica?

Adesso 29.7v con tempo di 2 ore, con sensore del voltaggio inserito....ho fatto varie prove dopo tot tempo anche con 30.8v non assorbono meno di 1.8A (con plc, inverter in standby, steca converter e rele' collegati come carichi che non posso staccare)
Risultato dopo 1 mese la patina di solfato che c'era prima sulle piastre quando le ho acquistate adesso e' sparita, segno di una perfetta ricarica.
Sono assolto? :lol: :lol:
ps. purtroppo ho rotto il densimetro :( e non posso dare una misura.
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1839
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da eneo » 18 dic 2016, 20:44

Dolomitico ha scritto:Adesso però la mia priorità è tenerle ben cariche con dei carichi minimi,poi quando il sole si rialza si riparte...

Per fortuna il sole non e' mancato qui da me.
Se avro' come regalo di natale quello che sto aspettando da 2 anni, per il 2017 voglio seguire un po' di cose dell'impianto di bridge e di marko. :rolleyes:
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 6414
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da Ferrobattuto » 19 dic 2016, 10:41

eneo ha scritto:.....Sono assolto? :lol: :lol:

Che fai sfotti? :lol: Era solo per completezza di informazione.
ps. purtroppo ho rotto il densimetro :( e non posso dare una misura.

Ahi ahi ahi, signor Eneo...... Mi cade proprio sul..... Densimetro! :lol:
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
eneo
Moderatore
Messaggi: 1839
Iscritto il: 19 apr 2011, 9:05

Re: il mio impianto ibrido offgrid

Messaggio da eneo » 19 dic 2016, 11:15

bangin.gif Mai posarlo a terra...
A proposito se hai bisogno di una mano per il montaggio dei pannelli chiamami....almeno ti togli il grosso da fare.
Impianto fotovoltaico monocristallino 2.195kwp n°5 canadian solar 180wp, n°1 trina solar 185wp, n°6 solarworld 185wp, batteria 24v 240Ah SMA, regolatore di carica tristar ts45 pwm e epsolar landstar pwm 30A, inverter steca PI1100, Plc di gestione impianto, eolico 300w 24v.
Impianto camper pannello kyocera 140wp, regoltore steca prs1010 e batteria 80Ah SMa

Rispondi

Torna a “Solare fotovoltaico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: giuseppe.rocco e 3 ospiti