Batterie diverse in parallelo con diodi

Moderatori: Ferrobattuto, Dolomitico

Avatar utente
gegeg
Messaggi: 62
Iscritto il: 9 apr 2016, 0:22
Località: Cilento (SA)

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da gegeg » 22 mag 2016, 22:03

Hai ragione Ferrobattuto, meglio fare le cose con calma e per bene, metterò i diodi, ho il saldatore a stagno e mi arrangio nelle saldature ma non saprei come saldare i diodi al filo che è molto spesso.
Per quanto riguarda le "cinesate" in genere, per quello che costano... seppur si dovesse rompere, a quel prezzo, ne comprerei altri 3 se non di più, quindi si dovrebbe rompere 4 volte (impossibile) per spendere la stessa cifra di un prodotto di marca. Poi aggiungo che oggi, i prodotti cinesi, sono un pò più resistenti in confronto a 10-20 anni fa, ho varie cosette che funzionano ormai da vari anni ;)

@giuseppe
Quello da 10A costava addirittura 2,50€ .
Ad ogni modo appena arriverà (circa 15 giorni) in caso di dubbio non esiterò a chiedervi lumi.

Avatar utente
Marko
Moderatore
Messaggi: 1024
Iscritto il: 2 feb 2012, 15:09

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da Marko » 23 mag 2016, 7:04

Confermo, ho un vecchio regolatore solare, che uso come prototipo, gli ho fatto di tutto, e dopo 6 anni è li che funziona, lo stesso per un inverter vecchiotto, da 2,5kw, ha subito di tutto, ora l'ho sostituito con l'EP da tre kw. Lo utilizzo solo per saldare a filo e risparmiare l'epever.
Ma è anche chiaro che un tristar è di un altro pianeta....

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2217
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da Dolomitico » 23 mag 2016, 11:22

Anch'io sono dell'idea che i paralleli secchi non sono una buona cosa,se tutto va bene si solfatano le batterie in tempi record.
Io sull'impianto piccolo ho preso un commutatore per barche,quelli con la manopolona,non l'ho ancora montato,ma posso passare manualmente fra una batteria o l'altra o tutte e 2 o staccarle completamente,ho 2 agm da 100ah che posso gestire come voglio.
L'amperometro ne ho preso anch'io qualcuno,sia da 10A che da 50A,sono gli stessi che ti vendono alle fiere dell'elettronica per 22€.....
Confermo che richiedono un'alimentazione a sè,e hanno dei mini trimmer dietro per settare sia il voltaggio che l'amperaggio,almeno i miei li ho visti subito perchè erano starati.
Io fin qui mi sono fornito di un pò di cose dai "cinesi" e alla fine ho constatato che in buona parte sono le stesse cose che ci vendono in negozio a prezzi maggiorati.
Un pregio di quegli amperometri è che si possono accendere anche solo il tempo che serve per leggerli,tramite interruttore o pulsante,e poi volendo si spengono,e sono molto più precisi delle lancette,le lancette sono più immediate nel provare condensatori o le risposte immediate del voltaggio o della corrente,con i numeri è più difficoltoso.

Avatar utente
gegeg
Messaggi: 62
Iscritto il: 9 apr 2016, 0:22
Località: Cilento (SA)

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da gegeg » 24 mag 2016, 0:30

Come alimentazione a parte che hai usato ? Certo sarebbe stata più comoda un'unica alimentazione :rolleyes:

Avatar utente
gegeg
Messaggi: 62
Iscritto il: 9 apr 2016, 0:22
Località: Cilento (SA)

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da gegeg » 24 mag 2016, 0:44

....allora ragà vorrei iniziare, scusate per le domande ma parto quasi da zero.
Per tre batterie usate miste (45A 55A e 80A) ci vogliono 2 diodi a batteria tipo schottky da 30A 45V.
Per evitare saldature, posso usarne uno tipo questo ?
abababa.jpg
abababa.jpg (9.31 KiB) Visto 1680 volte

Verrebbe una cosa del genere e al posto delle saldature potrei mettere dei fili con cappellotti/mammouth
collegbatterie.jpg
collegbatterie.jpg (76.6 KiB) Visto 1679 volte

Nella discussione del sistema a diodi ho letto questa frase:

"La cosa peggiore che può succedere è che una batteria vada in corto che che impedisca una completa ricarica di tutte le altre in quanto assorbe più energia dai pannelli solari rispetto alle altre. Ma controllandole ogni tanto con un tester puoi risolvere immediatamente."

Si potrebbe mettere un fusibile di quelli che si accende il led quando si guastano, così che in caso vada in corto una batteria, ed assorba più corrente, si noterebbe subito

p.s.
Sarebbe bello una guida passo-passo con foto, se ci riesco potrei farla io... casomai dovesse servire a qualcuno ;)

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2217
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da Dolomitico » 24 mag 2016, 9:58

gegeg ha scritto:Come alimentazione a parte che hai usato ? Certo sarebbe stata più comoda un'unica alimentazione :rolleyes:


Dipende da dove lo installi,ci sono dei piccoli convertitori dc-dc da pochi euro per sistemi in corrente continua come questo qui sotto,un dc converter step down,oppure un alimentatore da telefonino è anche un'idea,tanto il voltaggio parte da 4.5v.
Io li ho presi per un caricabatteria di potenza,ma è ancora in fase di assemblaggio,prima pensavo al trasformatore da telefonino,poi ho preso la schedina tipo quella qui sotto,fino a 2A ne colleghi anche più di uno,e con un solo interruttore si accendono o spengono....
Allegati
dc conv.jpg
dc conv.jpg (180.3 KiB) Visto 1671 volte

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2217
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da Dolomitico » 24 mag 2016, 10:14

Si,quel sistema è valido,però va protetto,farci un bel corto è un tantino facile,basta che cada qualcosa di metallico e vedi che fuochi d'artificio.
Il fusibile va anche bene,ma va considerato anche la corrente di uscita per i carichi,e in ogni caso mi sembra che quello sia un sistema a una sola direzione,serve anche il circuito inverso sul positivo.

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 380
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da giuseppe » 24 mag 2016, 12:29

Occhio ai convertitori e anche alimentatori switching che non abbiano una entrata in comune con l'uscita xchè tante volte x risparmiare sui componenti fanno cose di questo tipo l'alimentazione deve essere completamente isolata pena l'autodistruzione

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 380
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da giuseppe » 24 mag 2016, 17:54

IMG_20160524_123226.jpg
IMG_20160524_123226.jpg (214.79 KiB) Visto 1661 volte
Quello di destra è il 3 che brucio e non l'ho più sostituito ho messo un amperometro a lancetta e con quello non ci sono problemi ^_^ Il voltmetro sotto quello non richiede un' alimentazione separata . L'amperometro è (10 A )collegato al'mppt e quello stacca prima dei pvm che arrivano anche a 31 v

Avatar utente
Dolomitico
Moderatore
Messaggi: 2217
Iscritto il: 28 mag 2011, 8:39
Località: Belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da Dolomitico » 24 mag 2016, 22:41

Ma perchè si fulminano Giuseppe?
Per quello che spiegavi prima?

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 380
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da giuseppe » 25 mag 2016, 12:01

I primi due avevo collegato il negativo in comune (alimentazione e misurazione darata 10 secondi)avendo capito che non doveva esserci nessun legame tra di loro ho messo una batteria da scooter x l'alimentazione ma....il terzo(ne ho comperati ancora visto il basso costo ) volendo recuperare una parte del banco sono passato dai 24 V ai 12 di brutto e ........addio

Avatar utente
gegeg
Messaggi: 62
Iscritto il: 9 apr 2016, 0:22
Località: Cilento (SA)

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da gegeg » 25 mag 2016, 12:24

e vai con un'altra batteria, ho la sensazione che casa mia diventerà una discarica.
Possibile che non si possa usare la stessa batt. come alimentazione ?.

Nel frattempo mi sono arrivati 2 voltmetri digitali da poco più di un euro, con 3 fili rosso-nero-bianco.
Uno lo metto sulla prima batt e l'altro sulla seconda.

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 380
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da giuseppe » 25 mag 2016, 13:16

gegeg ha scritto:e vai con un'altra batteria, ho la sensazione che casa mia diventerà una discarica.
Possibile che non si possa usare la stessa batt. come alimentazione ?.

Nel frattempo mi sono arrivati 2 voltmetri digitali da poco più di un euro, con 3 fili rosso-nero-bianco.
Uno lo metto sulla prima batt e l'altro sulla seconda.
I voltmetri digitali quelli con 3 fili non serve che l'alimentazione sia separata se vuoi leggere la tensione sulla stessa batteria che lo alimenta basta mettere il rosso collegato al bianco solo che non devi superare la tensione massima (che non ricordo ma è sulle istruzioni)di alimentazione.Invece quelli con 5 fili (V-A) è un altro discorso

Avatar utente
gegeg
Messaggi: 62
Iscritto il: 9 apr 2016, 0:22
Località: Cilento (SA)

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da gegeg » 25 mag 2016, 23:13

@giuseppe
Ok funziona 8-) grazie. Il voltaggio massimo è di 30V

Avatar utente
sononuovo
Messaggi: 148
Iscritto il: 17 nov 2015, 19:55

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da sononuovo » 26 mag 2016, 1:34

salve a tutti, mi inserisco nella discussione perche' parlate di amperometri e sono oggetti che mi sono sempre piaciuti . ne ho anche uno, molto buono, per la porta usb, cosi' so a quanti ampere si carica il telefonino, vedo quando ha finito, vedo quanti mah sono entrati e il voltaggio
L'amperometro di cui parlate, io l'avevo preso su amazon. e' identico e sono sicuro al 99% di averlo usato senza nessuna alimentazione esterna. Poi pero' l'ho rimandato indietro (il recesso si fa tutto online. se il prodotto non funziona bene o la descrizione sul sito (spesso scarna) era incompleta/insufficiente, non paghi neanche le spese, altrimenti 4 euro)
L'ho rimandto indietro perche' non mi serviva a niente vedere gli ampere. io voglio vedere i WATT. i watt sono universali e quindi se vedo che dai pannelli entrano 800 wh, so che sul wattmetro in uscita dal regolatore visualizzero' almeno 780wh. con gli ampere potrei avere 5Ah in entrata dai pannelli e 17 a 24v. non mi e' utile
e' strano comunque che ti si siano rotti
questi aggeggi in realta' NON misurano gli ampere, ma i millivolt sullo shunt
se lo shunt e' da 10A (normalmente sono tutti 75mV) significa che se stanno passando 10A, con un qualsiasi voltmetro puoi verificare e leggerai 75mV
Se passa un solo ampere leggerai 7.5mV
Quindi, facendo la proporzione, ti dicono quanti ampere passano
Io comunque ne sto usando due tipi, di cui uno e' presente sul mercato da tanti anni, e su ebay costano circa 10-12 euro. uno ha lo shunt interno,l'altro esterno .entrambi fanno anche da contatore. Quello con shunt interno, ti segnala anche il picco max .Purtroppo non ha memoria quindi quando lo spegni perdi i dati, a meno che non sia alimentato con una sorgente secondaria
l'altro ha lo shunt esterno, ha il contatore con la memoria, ma purtroppo non memorizza il picco max.
Ovviamente segnalano i volts , i watth e gli ah.
il vantaggio di questi con lo shunt esterno e' che comprando un miniinterruttore a 6 pin, puoi invertire i fili + - che stanno sullo shunt. QUindi , di giorno, interruttore in su e vedo quanti watt entrano DENTRO la batteria. la sera swtich in giu' e vedo quanti ne escono la notte

Per quanto riguarda le batterie in parallelo, io ho messo un magnetotermico (quelli standard gewiss per la 220)su ogni pacco batterie. i fusbili sono usa e getta e quindi mi sembrano uno spreco oltre alla perdita di tempo
L'altro giorno li ho provati . Ho fatto partire la lavatrice, ho staccato il pacco litio che ho in parallelo con il piombo, quindi da ogni batteria uscivano circa 280watt. E' scattato il primo...e in pochi secondi quasi in sequenza tutti gli altri 7
quello da 6A scatta a circa 300watt (quindi circa 12 ampere a 25v)

Avatar utente
gegeg
Messaggi: 62
Iscritto il: 9 apr 2016, 0:22
Località: Cilento (SA)

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da gegeg » 26 mag 2016, 15:10

sononuovo ha scritto:il vantaggio di questi con lo shunt esterno e' che comprando un miniinterruttore a 6 pin, puoi invertire i fili + - che stanno sullo shunt. QUindi , di giorno, interruttore in su e vedo quanti watt entrano DENTRO la batteria. la sera swtich in giu' e vedo quanti ne escono la notte

Questo è interessante !

Per i magnetotermici, dovrei prima imparare cosa sono e poi come sono fatti :lol:Non voglio saltare le tappe

Avatar utente
sononuovo
Messaggi: 148
Iscritto il: 17 nov 2015, 19:55

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da sononuovo » 26 mag 2016, 15:38

gegeg ha scritto:
sononuovo ha scritto:il vantaggio di questi con lo shunt esterno e' che comprando un miniinterruttore a 6 pin, puoi invertire i fili + - che stanno sullo shunt. QUindi , di giorno, interruttore in su e vedo quanti watt entrano DENTRO la batteria. la sera swtich in giu' e vedo quanti ne escono la notte

Questo è interessante !

Per i magnetotermici, dovrei prima imparare cosa sono e poi come sono fatti :lol:Non voglio saltare le tappe


pure io non sapevo cosa fossero
poi ho visto da leroy merlin che costano 5 euro, ne ho preso uno da 6 uno da 10a e ho fatto le prove
avrei comunque dovuto comprare degli interruttori per ogni singola stringa (ne ho nove) e ogni pacco batterie
questi puoi usarli come interruttori o come magnetotermico
Se lo usi come interruttore, il filo lofai passare sono dove c'e' scritto N e non scattera' mai
se invece il filo lo fai passare nell'altra entrata, se superi un certo amperaggio, l'interruttore scatta
invece di bruciare il fusibile,buttarlo ricomprarlo sostituirlo, semplicemente tiri su la levetta e riparti
Li trovi in qualsiasi negozio di elettricita'
ovviamente ti diranno che sono per la 220 alternata e che assolutamente non funzionano su una batteria a 12 volts
pero' funzionano! l'unica cosa e' che scattano ad un pochino piu' del doppio, quindi quello da 6A , lavorando a 24v mi scatta intorno a 300watt

Avatar utente
gegeg
Messaggi: 62
Iscritto il: 9 apr 2016, 0:22
Località: Cilento (SA)

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da gegeg » 27 mag 2016, 2:11

Buono a sapersi , quindi se si guasta una batteria e assorbe parecchia corrente dalle altre, con il magnetotermico me ne accorgo . Che amperaggio dovrei prenderlo per collegamento a 12v ? Lo dovrei mettere tra i positivi delle due batterie vero ?

Avatar utente
sononuovo
Messaggi: 148
Iscritto il: 17 nov 2015, 19:55

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da sononuovo » 27 mag 2016, 10:09

gegeg ha scritto:Buono a sapersi , quindi se si guasta una batteria e assorbe parecchia corrente dalle altre, con il magnetotermico me ne accorgo . Che amperaggio dovrei prenderlo per collegamento a 12v ? Lo dovrei mettere tra i positivi delle due batterie vero ?


io sto usando 16 batterie, a 24volts quindi 8 pacchi, 8 magnetotermici, speso 42 euro e penso (spero)di aver protetto bene le mie batterie
sono da 100 ah l'una
non voglio superare il c10
quindi circa 250watt da ogni pacco batteria
ho messo magnetotermici da 6A (ma forse li riporto da leroy merlin e li cambio con i 10A.) che piu' o meno scattano a 300w (circa 12 ampere)
tu lavori a 12volts quindi quello da 6A ti scatterebbe a 150w
ci sono da 6A, da 10A, da 16A, da 25A, da 32A costano tutti circa 5 euro
https://www.leroymerlin.it/ricerca?q=ma ... d%3DGewiss
se devi solo proteggerle da un corto, io ne metterei uno alto, cosi' ti scatta solo se effettivamente c'e' un corto
nel mio caso per esempio, non riesco a fare la lavatrice se non ho l'aiuto del secondo pacco batterie o del sole, perche' con la lavatrice, ogni batteria fornisce circa 300watt e quindi siamo al limite e se ne scatta uno, poi rimangono solo 7 batterie a dividersi il carico che quindi sara' di 330w e quindi scattano in pochi secondi tutti gli altri
devi anche stare attento al tuo regolatore di carica perche' se ti scattano tutti i magnetotermici, con gli mppt che ho non succede niente, ma altri regolatori potrebbero danneggiarsi se gli togli la batteria mentre c'e' parecchio sole.
quindi aspettiamo cosa dicono gli altri
comunque se hai capito come funzionano, saprai farti i calcoli da solo
io nei prox giorni vorrei cercare di capire quanti watt si perdono usandoli
ho visto che si scaldano un po', quindi una perdita deve esserci
bisogna quindi valutare quanto "costa" in termini di watt questa protezione, mentre con un fusibile non hai perdite. solo il costo di cambiarlo se salta

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 380
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Batterie diverse in parallelo con diodi

Messaggio da giuseppe » 27 mag 2016, 12:12

sononuovo ha scritto:L'ho rimandto indietro perche' non mi serviva a niente vedere gli ampere. io voglio vedere i WATT.
e' strano comunque che ti si siano rotti
questi aggeggi in realta' NON misurano gli ampere, ma i millivolt sullo shunt
Se moltiplichi gli A x i V non hai i W :D Tutti gli amperometri non son altro che voltmetri modificati praticamente misurano la caduta di tensione ai capi dello shunt Si sono rotti xchè ho usato una parte del banco x l'alimentazione lasciando il negativo in comune con il negativo lato lettura

Rispondi

Torna a “Batterie & elettricità”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti