Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Moderatori: Ferrobattuto, Dolomitico

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7256
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da maxlinux2000 » 17 feb 2016, 17:56

Doppio Power Schottky STPS120100M 50Amp 60Volt

ma non so se si trovano... è roba da surplus militare degli anni '80.

sicuramente ora c'è di meglio.

edit.... peró il nostro amico romano ne ha ancora! :D

http://www.electronicsurplus.it/product ... 0Volt.html
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7201
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Ferrobattuto » 17 feb 2016, 19:07

Due parole sui diodi Schottky:
Per avere una bassa caduta di tensione interna durante la conduzione, conviene che siano a tensione più bassa possibile, ovverosia appena superiore a quella massima a cui debbono lavorare. Sempre per lo stesso motivo conviene che siano costruiti per reggere una corrente molto più alta di quella che normalmente ci deve passare.
Mi spiego meglio:
Se l'impianto è a 12VV nominali, ossia con punte di 16 o 17V, e pannelli da 18 o 20V massimi, conviene che il diodo sia al massimo da 50V lavoro. Se la corrente che normalmente transita nel diodo è di, poniamo, 10A, conviene che il diodo possa reggere una corrente di almeno 20A, meglio se di più. Se poi si prevedono picchi di prelievo molto forti, il diodo deve essere dimensionato per reggerli.
Per cui se la normale corrente prelevata da una batterie è ad esempio di 20A, ma si prevedono (o potrebbero verificarsi) prelievi di 50A, il diodo deve poterli sopportare comodamente.
Diodi Schottky per tensioni elevate (100V e oltre) in genere hanno tensioni di caduta interne praticamente equivalenti, o comunque di poco inferiori, a quelle dei diodi normali.
Stessa cosa succede facendoli lavorare a pieno carico, ossia con correnti pari a quella massima nominale.
Diodi Schottky convengono soltanto per impianti a tensione infima, come quelli a 12V nominali. Per tensioni superiori, anche solo per i 24V, si possono usare normali diodi raddrizzatori, anche se di tipo "veloce", e di buona qualità.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
equaliser
Messaggi: 8
Iscritto il: 13 feb 2016, 13:02

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da equaliser » 17 feb 2016, 20:38

quindi allora vanno bene quelli da 40a ma se sono due vie posso mettere una sola linea per farlo diventare 80a?

Avatar utente
luppy
Messaggi: 381
Iscritto il: 19 feb 2016, 13:02
Località: Bergamo

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da luppy » 3 mar 2016, 18:38

Ciao a tutti !
E' il mio primo post, spero di non fare subito brutte figure :)
Innanzi tutto complimenti, siete dei mastini che non mollano !

Vorrei chiedervi consigli

Premessa:
Ho poco spazio a casa per i pannelli ma l'estate scorsa ho comunque voluto provare a creare un piccolo impiantino, tutto a 12v, al momento 200w di pannelli, e senza inverter
La scelta di rimanere a 12v deriva dall'idea di creare una cosa semplice, dal fatto che un inverter mi pare comunque assorba sempre un pochino, e dal fatto che con così pochi pannelli posso solo accendere le luci un pc e poco altro, ma il pensare di avere autoprodotto l'energia necessaria è impagabile
Le batterie: ho cominciato con quelle da auto recuperate, poi essendo solfatate ne ho comprate due nuove identiche sempre da auto da 100A l'una e le ho messe in parallelo, poi ho iniziato a trovarne altre usate....
La centralina: Laderegler 30a MPPT, scelta perchè ha voltmetri ed amperometri incorporati e posso cambiare i parametri

Queste premesse per far capire come sono messo, ora vi chiederei qualche consiglio :)
Voglio provare a fare quello che avete scritto in queste diciassette pagine, le ho rilette varie volte e preso anche appunti, e mi pare di avere capito:

- lo schema da utilizzare più affidabile/efficace in questo caso è quello di maxlinux2000 a pag 14, senza batt tampone
- i magnetotermici li posso sostituire con lampadina neon e fusibile (nel post diceva fuse 1A ma forse era un esempio, credo potrei metterli rapidi da 5A, 10A mi sembra troppo e non si brucia se si rompe una cella, giusto ?)
- il voltaggio che deve arrivare sulle batterie è 15.5v e non 13.8 o 14.4
- l'equalizzazione delle batterie non è una possibilità, ma una necessità per il problema della variazione di densita all'interno delle celle
- i coccodrilli non vanno bene per collegare le batterie, ci vogliono proprio i morsetti classici da auto

Tutto giusto ?
In particolare poi, il diodo "di ritorno" da 60A fa tornare la corrente alla centralina quando non c'è sole, allora posso continuare a tenere il carico collegato agli attacchi della centralina stessa, giusto ? Voi tutti usando gli inverter ovviamente non disegnate mai il collegamento da li, probabilmente i vostri inverter ci pensano loro a staccare sotto 12v, o sbaglio ?
E sempre quel diodo, facendo girare la corrente in quel verso, non fa una "specie" di equalizzazione continua alle batterie ?
Il desolfatatore megapulse costava tanto ed avevo in cantina da anni un toroidale enorme, spero domenica finisco di costruire quello di keyosz, ma funziona come il mega, o no ?


Scusate tante parole e tante domande, ma dopo tanta lettura volevo chiarirmi le idee, magari serve anche a qualcuno che con poca pazienza dovesse iniziare a leggere la discussione da qui :)

grazie a tutti !
ciao


p.s. @equaliser, a mio sapere se metti due diodi in parallelo la corrente si raddoppia per cui direi di si !
riciao

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7256
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da maxlinux2000 » 4 mar 2016, 23:43

ciao, purtroppo sono parecchio indaffarato in questo periodo e in questo momento sino pure molto stanco, troppo per seguire a fondo il discorso fino in fondo.

cmq lampadina + fusibile dovrebbe funzionare, ma non l' ho mai provato personalmente, e non conosco nessuno che l' abbi fatto. è uno schema che ho trovato in un forum spagnolo, ma non ho mai parlato con chi lo reso disponibile, anche se c' era scirtto che funzionava perfettamente.

Il diodo di ritorno grosso, serve sia per alimentare il regolatore durante al notte, che per permettere ad eventuali correnti spurie provenienti dall' inverter quando gli attacchi carichi induttivi. Se non hai un inverter, non occorre che quel diodo sia robusto.

No, il diodo di ritorno non provoca una costate equalizzazioen perché la per equalizzare una batteria la tensione deve essere maggiore che la sua, ma dovendo passare per 2 diodi, questa sará come minimo 0.6V inferiore.

Non collegare un megapulse con tensioni tanto elevate perché lo bruci, come abbiamo già sperimentato io e dolomitico :)

Se ricarichi costantemenre le batterie auto a 15.5V, non ti serve l'equalizzazione, sempre che la batteria non sia solfatata.

Il desolfatore di keyosz funziona bene, basta dargli tempo, ma in ogni caso per recuperare velocemente le batterie solfatate, meglio non usare i pannelli solari, altrimenti i tempi si allungano moltissimo.


ciao
MaX
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
Lupo solitario
Messaggi: 47
Iscritto il: 30 mar 2011, 13:58
Località: TORINO

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Lupo solitario » 5 mar 2016, 15:24

Scusate la banalità della domanda , ma come si pronuncia Schottky? Sciottchi? Con l' accento sulla o ?

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7201
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Ferrobattuto » 5 mar 2016, 15:40

Immagino di si..... Anche se il diodo prende il nome dal suo inventore, un tedesco chiamato Walter Schottky.
https://it.wikipedia.org/wiki/Diodo_Schottky
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7256
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da maxlinux2000 » 5 mar 2016, 20:24

Io li chiamo "diodi Scotti". :D
Oppure " diodi sciocchi" :D :D
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
Lupo solitario
Messaggi: 47
Iscritto il: 30 mar 2011, 13:58
Località: TORINO

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Lupo solitario » 12 mar 2016, 10:12

Ahhh...se è tedesco non ci sono problemi, l'ho studiato al liceo.
Sciotki quindi.

Avatar utente
luppy
Messaggi: 381
Iscritto il: 19 feb 2016, 13:02
Località: Bergamo

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da luppy » 18 mar 2016, 17:40

Grazie per le risposte, quando le ho lette avevo ordinato i diodi, poi dieci minuti fa ho ordinato i differenziali, abbandonando l'idea fusibile/lampadina
Quando mi arrivano modifico il quadretto, se riesco metterò una foto

OT : mi è invece arrivato tutto per il power bank fai/da/te che volevo fare, nei prossimi giorni comincio la realizzazione facendo qualche foto, se non esplode tutto pensavo di aprire un topic per la realizzazione, così recuperiamo le litio 18650 :)

ciao, grazie, buon week-end !
luppy

Avatar utente
Marko
Moderatore
Messaggi: 1023
Iscritto il: 2 feb 2012, 15:09

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Marko » 17 apr 2016, 18:04

Ho notato ieri durante alcuni test, che parte della corrente di un gruppo delle batterie che avevo momentaneamente scollegato, si riversava su un secondo gruppo dopo il riallaccio. Rivedendo lo schema di max, in effetti qualcosa non mi quadra. Correggetemi se sbaglio.
Il diodo di ritorno, praticamente, cortocircuita, in tensione e corrente , tutti i gruppi, mettendoli di fatti in parallelo secco.
Ma se un gruppo (io utilizzo la serie da 6Vx4) viene staccata per un motivo qualsiasi, le altre continuano a restituire la loro energia al carico, in questo caso all'inverter e quindi scaricandosi. Ma ri-attaccando il gruppo di batterie scollegate, parte della energia si riversa nelle altre batterie.
Questo è quello che ho visto ieri nel mio impianto. Ovviamente farò altri test, poi si vedrà.
Nuovo schema Foto-12V senza tampone.jpeg
Nuovo schema Foto-12V senza tampone.jpeg (30.71 KiB) Visto 3871 volte


Credo che questa sia la soluzione giusta, la prima che max aveva realizzato. In questo modo le batterie risultano indipendenti, tranne ovviamente la batteria tampone.
Nuovo schema Foto-12V con tampone.jpeg
Nuovo schema Foto-12V con tampone.jpeg (79.28 KiB) Visto 3871 volte

Avatar utente
Marko
Moderatore
Messaggi: 1023
Iscritto il: 2 feb 2012, 15:09

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Marko » 19 apr 2016, 18:53

Altra soluzione potrebbe essere questa per caricare le batterie tampone pari al gruppo senza sovra caricarla.
Nuovo schema Foto-12V con tampone.jpeg
Nuovo schema Foto-12V con tampone.jpeg (36.62 KiB) Visto 3863 volte

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7201
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Ferrobattuto » 19 apr 2016, 20:54

Sono d'accordo sull'ultima soluzione.
Il meglio sarebbe avere un regolatore con terminali di "sense", come quello che si vede quì viewtopic.php?f=7&t=6#p111 sulla prima foto, ossia due morsetti indipendenti che vanno collegati direttamente ai poli della batteria. A quel punto le batterie saranno comunque cariche come da impostazione, qualsiasi cosa interporrai sui loro morsetti di uscita: che siano diodi o resistenze, oppure cavi troppo sottili che assorbono potenza.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
luppy
Messaggi: 381
Iscritto il: 19 feb 2016, 13:02
Località: Bergamo

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da luppy » 22 apr 2016, 12:54

Marko ha scritto: parte della corrente di un gruppo delle batterie...


ecco, infatti quando avevo scritto E sempre quel diodo, facendo girare la corrente in quel verso, non fa una "specie" di equalizzazione continua alle batterie ? non ero stato molto chiaro, però, come diceva Max nella risposta, deve passare attraverso due diodi (o tre se c'è il diodo di ritorno) quindi c'è caduta di tensione e non è un parallelo "secco" come Volt quindi di corrente dovrebbe passarne poca, no ? Per caso hai misurato quanta ne passava ?

Tra l'altro voi avete gli inverter, io invece vado a 12v diretti, per cui devo per forza mettere il diodo di ritorno e ritornare alla centralina, altrimenti non ho nulla che scolleghi il carico se le batterie vanno sotto la soglia di 11.9v che ho impostato sulla centralina stessa

Poi, mi viene un altro dubbio: se invece ad una delle batterie va in corto una cella, cosa le impedisce di scaricare completamente tutte le altre batterie ? Se non erro con una cella in corto va come minimo a 11, o anche meno, e allora la protezione data dai diodi serve a poco, o mi sbaglio ?
Stavo pensando che forse il collegamento con ciascuna batteria sia meglio farlo dopo il magnetotermico, così se la singola batteria incomincia ad assorbire troppo lui dovrebbe scattare, spero :wacko:
Non ho alcuna esperienza in questo senso, e vi chiedo consiglio anche perchè ieri mi sono arrivati gli interruttori, e domani volevo modificare l'impianto mettendo anche io i diodi, piuttosto aspetto ancora qualche giorno ;)
I magnetotermici li ho presi da 6 ampere in cc l'uno

grazie

ciao !

Avatar utente
luppy
Messaggi: 381
Iscritto il: 19 feb 2016, 13:02
Località: Bergamo

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da luppy » 25 apr 2016, 10:27

sono stato impaziente, anche perchè con il ponte avevo tanto tempo, e li ho collegati come ho scritto sopra
vi farò sapere se è esploso tutto, comunque se la mia idea è sbagliata ditemelo, che modifico, grazie :)

ciao !

DSC03854.JPG
DSC03854.JPG (176.56 KiB) Visto 3825 volte


DSC03856.JPG
DSC03856.JPG (122.63 KiB) Visto 3825 volte

Avatar utente
sergiozh
Messaggi: 3
Iscritto il: 25 giu 2016, 9:07

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da sergiozh » 25 giu 2016, 9:19

Vorrei porvi un quesito che mi assilla..... :(

Ho comprato due pannelli da 12V e 100W che mettero' in parallelo sul camper a sostituire un pannello farlocco da 75W. Ho un regolatore mppt tedesco che accetta tensioni massime a 28V, dunque mettero' i due pannelli in parallelo.

Il mio quesito e' il seguente:

E' necessario mettere un diodo schottky a ognuno dei due pannelli che stanno in parallelo o non e' necessario ?

Ho trovato gente che dice che non e' necessario e altra gente che dice che e' necessario.

Il mio regolatore mppt dovrebbe avere un diodo che impedisce che di notte scorra elettricita' dalla batteria ai pannelli.

Alcuni dicono che in caso di guasto o se c'e' un pannello in ombra e l'altro al sole servono i diodi schottky per i pannelli. Altri dicono che non servono e che un pannello puo' sopportare correnti in direzione inversa sette volte superiori alla sua corrente nominale.

Come e' la faccenda ? Per due soli pannelli a 12V in parallelo e' necessario si o no mettere sti benedetti schottky ?

Un link:

http://www.mpptsolar.com/it/pannelli-so ... llelo.html

Avatar utente
Marko
Moderatore
Messaggi: 1023
Iscritto il: 2 feb 2012, 15:09

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Marko » 25 giu 2016, 14:53

I pannelli già dovrebbe averli, ma per sicurezza potresti montarli, si tratta solo di buttare al vento qualche watt.

Avatar utente
sergiozh
Messaggi: 3
Iscritto il: 25 giu 2016, 9:07

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da sergiozh » 25 giu 2016, 15:42

Il pannello dovrebbe avere dei diodi bypass interni, non globali su tutto il pannello credo.

Inoltre siccome ha celle sunpower non sono neanche sicuro che li abbia.

Il fatto e' che preferirei non metterli ma se devo metterli per stare piu' tranquillo ......

I pannelli non li ho ancora a casa e settimana prossima forse apro la scatola dietro il pannello per vedere che contiene. Il pannello vecchio che sostituisco ho visto ora che contiene proprio un diodo cilindrico dentro la scatola.

Avatar utente
giuseppe
Messaggi: 376
Iscritto il: 5 ago 2013, 1:15
Località: arsie belluno

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da giuseppe » 25 giu 2016, 21:22

sergiozh ha scritto:Vorrei porvi un quesito che mi assilla..... :(

Come e' la faccenda ? Per due soli pannelli a 12V in parallelo e' necessario si o no mettere sti benedetti schottky ?

i diodi se c'è il regolatore di carica non servono speciaalmente se messi in parallelo io la penso cosi e vedo che va bene comunque il regolatore impedisce il ritorno verso i pannelli

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7201
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Grosso Risparmio: Batterie in Parallelo + diodi Schottky

Messaggio da Ferrobattuto » 25 giu 2016, 21:42

@Sergiozh:
I diodi ci servono, perché se un pannello è completamente al sole e l'altro per qualche motivo parzialmente in ombra si scambiano correnti l'un l'altro, correnti che non fluiscono nel regolatore. Normalmente i pannelli hanno internamente dei diodi di bypass messi in parallelo (e non in serie) alle stringhe interne di celle per prevenire il loro surriscaldamento dovuto a parziali ombreggiature, ma non hanno il diodo verso l'uscita in quanto i pannelli possono anche venire messi in serie e in quel caso sarebbero inutili se non dannosi.
È vero che nel regolatore ci sono diodi che impediscono il ritorno della corrente dalla batteria ai pannelli, ma non impediscono che i pannelli si scambino corrente tra loro.
Del fatto che un pannello riesca a sopportare una corrente inversa "sette" volte maggiore della sua corrente nominale, io non ne ho mai sentito parlare..... Poi quel "sette" mi pare più una "citazione biblica" che un vero dato tecnico. Se trovi qualche datasheet che ne parla faccelo sapere. ;)
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Rispondi

Torna a “Batterie & elettricità”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti