"Lampadario" parapolvere.

Moderatore: fede1984

Rispondi
Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7261
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

"Lampadario" parapolvere.

Messaggio da Ferrobattuto » 2 ott 2015, 19:02

La cosa che si produce maggiormente in un laboratorio da falegname, di sicuro è la segatura...... :lol:
Si infiltra, si posa e si attacca a qualsiasi cosa, per cui anche alle lampadine. Perciò, ogni tanto bisogna tirarle giù, strofinarle con uno straccio, che anche solo soffiando difficilmente viene via tutta.Questo con le lampadine a basso consumo diventa difficile, per la loro conformazione complicata a spirale o a serpentina, che non consente di pulirle bene dappertutto, ma anche perché sono delicate e basta un niente per frantumarle. Con le vecchie lampade ad incandescenza poi era un disastro: il calore appiccicava meglio la segatura e spesso finiva per carbonizzarla lentamente, tant'è che di solito necessitava di lavarle e grattarle bene. Fortunatamente erano meno fragili delle basso consumo, ma ovviamente..... Consumavano. :P Con le LED le cose vanno un po' meglio, sono robuste e di forma semplice, ma si sporcano comunque come le altre.
Anche in officina le cose vanno appena meglio, meno segatura, ma si sa che dove si lavora si fa polvere comunque, Poi lì si usa la smerigliatrice.....
Per cui mi serviva qualcosa che riparasse la polvere, che si potesse pulire e strofinare facilmente, senza rompere niente, che si togliesse al volo e si rimettesse velocemente. Ho pensato ai globi di vetro, ma alcuni non sono proprio "veloci" da togliere e mettere, poi costano.... E me ne servivano una decina. Ho rifatto il tetto della costruzione dove c'è la rimessa del trattore, l'officina meccanica, il laboratorio da falegname, e dove stò facendo anche una lavanderia per mia moglie, per cui sono molte luci esposte a polvere e altro. Globi neanche a pensarne, ma..... Cilindri si! E molto a buon mercato. :lol:
L'idea m'era venuta in passato, e ne avevo già fatti un paio, ma usando lempade a basso consumo di una certa potenza (23W) servivano contenitori di una certa dimensione, pena alla lunga del surriscaldamento dell'interno del vetro, con prematura dipartita del circuito elettronico.
Per farla breve vi metto una foto.

Lamp5.JPG
Lamp5.JPG (290.37 KiB) Visto 1126 volte

Barattolone per confetture in vetro!!! :lol:
Sono comunissimi da trovare, anche buttati nel "vetro" di recupero, e comunque ne ho diverse centinaia, puliti e riposti dopo l'acquisto con prodotti alimentari di vario genere. Molti li ho riutilizzati per le marmellate, ma quelli così grandi sono difficili da riempire. ;) Ci andrebbe 1Kg di marmellata.....
Realizzare il marchingegno è facile: il necessario si prende al negozio di materiale elettrico, tutta rona che costa poco. Portalampade, gancio per lampadari, e uno spezzone di tubo filettato del diametro di 10mm, da tagliare a pezzetti di circa 2cm.

Lamp1.JPG
Lamp1.JPG (483.34 KiB) Visto 1126 volte

Si fora il coperchio al centro con una punta da 10mm e si avvita lo spezzoncino di tubo al portalampade.

Lamp2.JPG
Lamp2.JPG (496.32 KiB) Visto 1126 volte

Si infila il coperchio forato e si stringe col gancio per lampadari.

Lamp3.JPG
Lamp3.JPG (472.7 KiB) Visto 1126 volte

Si avvita il barattolo sotto al coperchio, (o se preferite il coperchio sul barattolo :lol: ) e il "lampadario" è pronto.

Lamp4.JPG
Lamp4.JPG (305.97 KiB) Visto 1126 volte

Questi sotto sono i due montati sul soffitto dell'officina.

Lamp6.JPG
Lamp6.JPG (582.84 KiB) Visto 1126 volte

Questi altri invece sul soffitto della falegnameria.

Lamp8.JPG
Lamp8.JPG (521.05 KiB) Visto 1126 volte


Calore comunque sia se ne produce ugualmente, ma con le LED molto poco. I barattoli naturalmente non sono sigillati, c'è comunque un "buchino" nel tubetto dove passano i fili elettrici, che permette la dilatazione dell'aria al variare della temperatura.
I fori nei tubi da impianto da dove escono i fili per entrare nei barattoli li ho tappati con un pezzetto di spugna, per evitare l'ingresso di insetti larve e altre bestiacce che intasano qualunque foro riescano a trovare libero.
Tutto il sistema, fissaggio dei tubi e dei barattoli col filo di ferro ecc ecc, è "rustico" ma sicuramente economico e veloce, oltre che funzionale. La roba "raffinata" la lascio volentieri per altri usi. ;)
Mi sembra di aver detto tutto, e poi non è che sia chissà cosa.....
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
maxlinux2000
Amministratore
Messaggi: 7256
Iscritto il: 22 mar 2011, 11:50

Re: "Lampadario" parapolvere.

Messaggio da maxlinux2000 » 3 ott 2015, 2:32

Lo sapevo che lo avresti fatto, quando ho letto il titolo, ho capito dove andavi a parare.... :)

Complimenti per l'idea! :)
Cogito, ergo NO SUV !!

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7261
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: "Lampadario" parapolvere.

Messaggio da Ferrobattuto » 3 ott 2015, 13:33

Grazie.
Bhè, l'idea è semplice, intuitiva..... Poi mi conosci da un sacco di tempo. ;)
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Rispondi

Torna a “Impianti elettrici civili e industriali”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti