AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Moderatore: maxlinux2000

Rispondi
Avatar utente
eliosaur
Messaggi: 7
Iscritto il: 18 set 2018, 16:46
Località: Siracusa

AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da eliosaur » 20 set 2018, 14:17

Salve, sono Elio dalla provincia di Siracusa. Desideravo porre delle domande a proposito di un progetto che ho in testa per la mia casa in campagna. Grazie anticipato a chi vorra' rispondermi.
Sono venuto in possesso di 6 pannelli Mitsubishi da 24v 180w usati. Non sapendo come testarli, ho collegato il tester e sembrano funzionare, dando ciascuno di loro, una tensione di circa 26volt a cielo coperto. Vorrei realizzare un impianto ibrido con inverter pip da 3000 va ma ho un sacco di confusione in testa. Le mie domande sono legate allo schema di montaggio. Qualcuno mi potrebbe delucidare sul dimensionamento dell'impianto? L'inverter pip, preleva solo dalle batterie o, con luce sufficiente sopperisce ai carichi? Che tipo di batterie usare e come collegare i pannelli serie o parallelo? I diodi dove vanno posizionati? Grazie anticipato per chi vorra' aiutarmi.

giuseppe.rocco
Messaggi: 114
Iscritto il: 8 lug 2016, 11:04

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da giuseppe.rocco » 20 set 2018, 15:22

salve Elio,x l'inverter preleva in base a come viene configurato, i pannelli serie o parallelo ?? prima compri inverter poi in base al modello, il manuale ti dice come montarli e ti fornisce un schema, x i diodi di solito i pannelli li anno di suoi, se ai un minimo di manualità quando leggi il manuane la confusione se ne va, ciao.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7377
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da Ferrobattuto » 20 set 2018, 20:21

Dunque: per i pannelli ci vorrebbe qualche dato in più, tipo sapere cosa c'è scritto nella targhetta che di solito è incollata dietro. Sarebbe bene sapere anche quante celle ha ogni pannello. Se metti qualche foto è meglio, più facile capire che materiale hai.
Poi sarebbe bene sapere che tensione avrà la parte in corrente continua, 24V? O 48V? Che capacità hanno le batterie che devi collegarci? E non ultimo, che carichi pensi di collegarci? 180W per 6 fanno 1080W, ma difficilmente te li daranno tutti, o comunque non per tutta la giornata.
Intanto potresti leggerti questa discussione qui: viewtopic.php?f=68&t=2490#p41877 Il tipo usa un PIP 4048, a 48V, ma credo ne esistano anche per i 24V, e comunque sia le batterie che i pannelli si possono mettere sia in serie che in parallelo per raggiungere le tensioni che intendi usare. Se hai alti consumi è meglio avere una tensione elevata, tipo 48V, se invece i consumi sono contenuti ci si può limitare ai 24V.
Nel frattempo puoi leggerti qualche discussione già aperta e farti qualche idea.

@giuseppe.rocco:
Come risposta, la tua, per un principiante è piuttosto sbrigativa e incompleta. Non tutti hanno le necessarie competenze all'inizio per poter metter su un impianto solare, se le avessero non domanderebbero.
I diodi che servono per il disaccoppiamento dei pannelli o delle stringhe di pannelli NON sono compresi nei pannelli, quelli che stanno già dentro servono a ben altro scopo.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

giuseppe.rocco
Messaggi: 114
Iscritto il: 8 lug 2016, 11:04

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da giuseppe.rocco » 20 set 2018, 22:10

ok Ferrobattuto,scusa la mia risposta molto sbrigativa e anche x fare rispondere i più competenti.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7377
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da Ferrobattuto » 20 set 2018, 22:49

Forse mi sono spiegato male: intendevo dire che se rispondi ad un principiante devi dare risposte chiare il più possibile complete ed esaurienti, altrimenti si confonde ancora di più. Tutto qui.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
eliosaur
Messaggi: 7
Iscritto il: 18 set 2018, 16:46
Località: Siracusa

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da eliosaur » 21 set 2018, 14:13

Comunque, in ogni caso, grazie ad entrambe per le risposte. Non saprei, in questo momento come iniziare. I pannelli sono Mitsubishi PV-TD180MF5 24v 180w. Questi ultimi sono usati e non so come provarli, eccetto che per la tensione. Esiste un metodo per testarne il buon funzionamento? Per quanto concerne gli inverters all in one, sarei orientato per un lf, in quanto dal forum ho capito che hanno un trasformatore toroidale all'interno e sono piu' compatibili con quasi tutte le utenze. In ultimo, vorrei capire soltanto se questo tipo di inverter ha la possibilita' di erogare corrente di giorno, cioe' durante una normale giornata di sole. Le mie esigenze riguardano al massimo dei motori pompa che consumano uno alla volta circa 800w per una ventina di min. (si accendono 3 volte al giorno) e un frigo da 100w. Si tratta di una casa di campagna connessa normalmente all'enel. Farei tutto questo per risparmiare energia elettrica di giorno. Grazie per le risposte. Non posto le immagini dei pannelli perche' non ci sono riuscito.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7377
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da Ferrobattuto » 21 set 2018, 20:24

Per testare il buon funzionamento dei pannelli basta aspettare una buona giornata di sole col cielo limpido, metterli perfettamente di fronte al sole a mezzogiorno (la una ora legale.....) e misurare prima la tensione a vuoto con un tester in portata Volt, poi mettendo in corto i suoi terminali su un amperometro capace di reggere la corrente di targa scritta sulla targhetta posteriore, e controllare se la eroga tutta.
La scritta dovrebbe essere più o meno così: ISC XX,XX Amper (XX sono i numeri.....) ISC è la corrente di cortocircuito.
La tensione a vuoto invece è: VOC XX,XX Volts
Tranquillo che mettendoli in corto non succede niente, a meno che non ce li tieni una giornata. :D
Comunque cercando si trova il PDF con le caratteristiche scaricato dalla Mitsubisci (basta cercare con Google usando la sigla......)
PV_Module_DB_e_web.pdf
(476.09 KiB) Scaricato 45 volte
Però tengo a precisare una cosa: anche se usi un ibrido, che prevede la commutazione sulla rete in caso di mancanza di energia dal solare, non puoi farlo funzionare senza batterie....... Nel tuo caso, avendo carichi consistenti, ti occorrono delle batterie di una certa capacità, a meno di commutare in continuazione sulla rete. Una pompa da 800W al momento dello spunto di partenza assorbe almeno tre volte la potenza di targa, spero che partano una la volta. Anche il frigo, se usa il solito motorino elettrico per il compressore, allo spunto può arrivare tranquillamente al KW di assorbimento.
3KVA per il PIP possono bastare, ma 1KW di pannelli sono scarsi. A 24V hai bisogno di batterie molto grosse, che possano sopperire agli spunti senza soffrirne troppo. Se sono piccole la tensione scende, il regolatore ti comincia a commutare banco-rete in continuazione con conseguenze prevedibili, specie in caso di poca luce solare.

Un'ultima cosa: quei pannelli, almeno da quel che si vede dall'opuscolo, sono a 50 celle. La tensione sotto carico è bassa per cui per i 24V dovresti metterli in serie due a due. Assicurati che il regolatore ibrido sia un buon MPPT.
Se in futuro pensi di aumentare il numero dei pannelli, ti toccherà trovarne di uguali e collegarli a coppie nello stesso modo. Oppure sostituirli in toto con una serie differente. Quelli sono pannelli che normalmente si usano per gli impianti connessi alla rete con scambio sul posto, non per impianti ad isola con o senza commutazione con l'enel. Hanno tensioni più basse perché vanno collegati in serie per tensioni di uscita di 150-200V.
Spero di non averti confuso le idee...... Comunque siamo qui.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
eliosaur
Messaggi: 7
Iscritto il: 18 set 2018, 16:46
Località: Siracusa

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da eliosaur » 21 set 2018, 21:38

Cosa vuol dire mettere i pannelli in serie a due a due? Il voltaggio aumenta a 48,4volt sotto carico? Ma, in questo modo dovro' usare batterie e inverter a 48 volt e avro' meno ampere in ingresso al pip? Grazie ferrobattuto. Il fotovoltaico mi sta' intrippando. Spero di riuscire a costruire un impiantino decente.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7377
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da Ferrobattuto » 21 set 2018, 23:18

Se il regolatore di carica è un MPPT converte i parametri della corrente in ingresso (Volt e Ampere) nei parametri adatti al banco da caricare.
Perciò puoi avere anche 50 o 60V in ingresso, con 1KW di potenza, e avere 24V per caricare le batterie in uscita, sempre con 1KW di potenza.
I tuoi pannelli hanno una tensione di uscita troppo bassa per essere usati in parallelo. Se leggi i dati del tuo pannello sull'opuscolo in PDF che ti ho allegato, vedrai che il tuo pannello sotto carico eroga una tensione di 24,2V. Un banco di accumulatori al piombo da 24V nominali per essere caricati a fondo e bene (altrimenti si buttano in breve tempo) necessitano di una tensione di fine carica intorno ai 30 - 31V. Minimo minimo di 28V meglio se di più. Se i pannelli non arrivano a quella tensione, come fai a caricare le batterie?
In realtà per usarli in parallelo dovresi avere dei pannelli minimo da 60 celle.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
eliosaur
Messaggi: 7
Iscritto il: 18 set 2018, 16:46
Località: Siracusa

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da eliosaur » 22 set 2018, 14:47

Grazie. Un'altra cosa che non mi spiegavo era la funzionalita' mppt che, dopo la tua esaustiva spiegazione mi risulta comprensibile. Cerchero' di integrare con altri pannelli dello stesso tipo in modo da aumentare la superficie captante, magari portando tutto a 1,6 kw per i pannelli. Poi decidero' se usare un sistema tutto in uno o un sistema separato regolatore mppt - inverter LF. Alla luce della tua esperienza Ferrobattuto, cosa consiglieresti ad un neofita come me?

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7377
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da Ferrobattuto » 22 set 2018, 18:52

Più facile e meno dispendioso sicuramente è con l'uso di un ibrido (il tutto in uno). Però se hai intenzione in futuro di ampliare l'impianto per raggiungere una certa sicurezza, devi prendere un'apparecchiatura già più grossa. C'è da dire che se un domani si dovesse guastare rimani senza niente...... Usando invece due apparecchiature separate, regolatore e inverter, la spesa totale è maggiore, ma puoi ampliare a tuo piacimento o sostituire il guasto con meno spesa. È più una scelta personale che tecnica.
Molto dipende dal budget che hai a disposizione, da ciò che vorresti fare in futuro, e soprattutto dai consumi, attuali e prevedibili per il futuro.
Ricorda sempre che la migliore fonte di energia rinnovabile resta comunque il risparmio energetico..... :D Imparare a consumare meno e senza sprechi.
Pannelli usati ormai si trovano facilmente, sia in rete che in giro. Però ne esistono di molti tipi, da 50 celle, come i tuoi, da 54 celle, da 60 celle e da 72 celle. Ne esistono anche da 32 celle, ma sono adatti più che altro per impianti a 12V. I primi tre tipi sono abbastamza facili da trovare in quanto usati per impianti "grid connect", ossia con scambio alla rete enel. I 72 celle sono più rari e costosi, non te li consiglio, ma poi fai come credi.....
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
eliosaur
Messaggi: 7
Iscritto il: 18 set 2018, 16:46
Località: Siracusa

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da eliosaur » 26 set 2018, 22:30

Rieccomi. Sono un po confuso per il regolatore MPPT. Non sono riuscito a comprendere se e' importante la tensione in ingresso oppure basta guardare le caratteristiche dell'amperaggio. Mi spiego meglio. In alcuni regolatori MPPT, non e' indicato quanti volt accettano in ingresso ma, e' indicato soltanto il numero di ampere. Questi ultimi valgono per caricare la batteria o sono il risultato del valore che accetta in ingresso il regolatore, dal lato pannelli FV? Forse riesco a portare il mio impianto a ca. 2 kw di quei pannelli a 50 celle con 24v di nominale. In questo caso, avrei una stringa da 12 pannelli in serie da due e, ciascuna coppia fornirebbe ca.8 Ah nominali e 48v sempre nominali di tensione. Supponendo che la tensione rimanga 48 volt e che gli ampere, data la configurazione arrivano a ca. 48; che caratteristiche dovrebbe avere il regolatore MPPT da acquistare. Grazie anticipato per le risposte ma sono un NEOFITONE :D :D :D

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7377
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da Ferrobattuto » 27 set 2018, 14:08

Migliori informazioni di quelle che potrei darti io sicuramente potrebbe dartele unimatrixzero, che è un tecnico e conosce bene le apparecchiature commercieli.
Comunque, gli ampere di carica segnati dui dati di un MPPT credo che siano riferiti alla corrente d'uscita verso le batterie. Atro dato che dovresti controllare è la tensione massima che accetta in ingresso, che deve essere un po' superiore a quella massima potenzialmente erogabile dalla serie dei tuoi pannelli a vuoto. Conviene sempre che sia possibile conoscerla.
Come risulta dall'opuscolo descrittivo dei tuoi pannelli, la VOC, ossia il voltaggio a vuoto, raggiunge i 30,4V per pannello, che due in serie fa 60,8V. Perciò la tensione in ingresso dell'MPPT che serve a te dovrebbe essere almeno di una settantina di Volt.
Perché la tensione a vuoto? Semplice: potrebbe succedere che le batterie sono cariche, al momento non ci sono carichi, hai un bel sole e i pannelli lavorano a vuoto. Gli MPPT di buona marca compensano anche leggermente in basso, per cui con sole scarso e tensione bassa sotto carico possono recuperare un po' di volt diminuendo gli ampere in uscita.
Se il banco che prevedi di usare è a 24V, con 2KW di pannelli devi prevedere un regolatore che in uscita possa darti una corrente di almeno 80 - 90A e accettare in ingresso i 70V di cui sopra.
Se invece in futuro prevedi di lavorare con un banco a 48V, l'MPPT dovrebbe poter sopportare in ingresso un centinaio di volt, la corrente in uscita si dimezzerebbe, potresti collegare i pannelli in serie di tre e il sistema MPPT interno lavorerebbe sotto carico con una tensione di 72V circa "lavorando" di meno.
Tra le altre cose, è più facile rimediare quattro batterie più piccole da mettere in serie piuttosto che due molto grandi.
Poi c'è da dire che le perdite in calore e gli stress elettromeccanici all'interno degli apparati salgono col quadreato delle corrente che circola nel circuito, per cui raddoppiando le tensioni si dimezzano le correnti e le perdite di cui sopra si riducono ad un quarto.
Sarebbe bene che ci spiegassi quanto conosci di elettrotecnica, poi è molto più facile darti qualche dritta. :D
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
eliosaur
Messaggi: 7
Iscritto il: 18 set 2018, 16:46
Località: Siracusa

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da eliosaur » 27 set 2018, 17:12

Elettrotecnica = zero. Per quanto riguarda assemblaggi elettrici, elettronici e cenni elementari di elettronica, riesco a capire la terminologia e sono molto incline al fai da te. Per quanto concerne l'upgrade, il mio amico mi ha regalato 16 pannelli Mitsubishi di cui sopra e, alla luce di questa nuova configurazione, partendo dai pannelli, ho 16x180w= 2880w nominali. Come li configurereste nel modo piu' ottimale? Essendo digiuno di fotovoltaico, desidererei capire anche con piu' di uno schema elettrico, come dimensionare il mio impianto. Ringrazio sempre da allievo desideroso di conoscenza. Grazie..

Avatar utente
Alain
Messaggi: 285
Iscritto il: 16 set 2015, 8:47
Località: prov. di MN

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da Alain » 27 set 2018, 17:58

Dovendo ancora acquistare tutto e partendo da una potenza di picco di quasi tre kW io suggerirei di orientarsi su un impianto a 48V (consiglio che peraltro si intuisce già anche tra le righe dell'ultimo intervento di Ferro ;) ).
A questo punto devi cercare un regolatore MPPT oppure un combinato regolatore +inverter (sempre MPPT) che possa accettare un Voc massimo lato pannelli di almeno 120-125, in modo da poter collegare i tuoi moduli (che hanno ciascuno un Voc di 30,4V) in 4 stringhe da 4.

Un esempio del primo tipo (il primo che ho trovato) è questo, al quale dovrai aggiungere un inverter separato, ad esempio questo.
Oppure potresti sceglier un dispositivo del secondo tipo "all in one" come questo

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7377
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: AIUTO IMPIANTO IBRIDO

Messaggio da Ferrobattuto » 27 set 2018, 19:40

Concordo in pieno con quanto scritto da Alain. Sia per quel che riguarda la configurazione, sia per quel che riguarda i 48V.
Come scritto sopra, per quel che riguarda le marche e la qualità degli apparecchi commerciali devi farti aiutare da qualcun'altro.
Per lo schema, quando avrai deciso se 24 o 48V e quali accessori acquistare (inverte e regolatore, oppure ibrido ecc) ne buttiamo giù uno.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Rispondi

Torna a “Solare fotovoltaico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti