Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Moderatore: maxlinux2000

Rispondi
Avatar utente
worm1
Messaggi: 4
Iscritto il: 31 ott 2018, 14:25

Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da worm1 » 31 ott 2018, 14:50

Buonasera a tutti, primo messaggio (oltre la presentazione) per me su questo forum e Vi rinnovo i complimenti per l'ottimo lavoro

ho necessità di metter su un piccolo impiantino OFF GRID ma soprattutto in configurazione UPS per delle utenze di cui ho più bisogno
in particolare devo alimentare 1 circolatore (Termocamino) con assorbimento di circa 200/230 W, antifurto e TVCC meno di 100 W, già che ci sono il cancello (due motori da 300 W per circa 18").

sarebbero quindi circa 100W continui H24, 300/350 W quando va il TC (circa 6/8 ore al giorno) e altri 600 W quando funzionerà il cancello per quei 20 secondi ad aprire e altrettanto per chiudere.

Ho reperito il seguente materiale:
- 6 batterie, a breve altre 2 per un totale di 8, AGM FIAMM 12V 80 AH
- inverter OFF GRID 2400w 24V

per ora vorrei collegare solo inverter e batt in funzione UPS, in futuro aggiungerò i pannelli

Vorrei avere conferma, anche se forse era da far prima, che il materiale (sopratutto la capacità) sia idoneo alle mie necessità (non è che sono troppe per quell'inverter/UPS??), inoltre quali sono le migliori impostazioni per la carica e scarica delle batterie AGM che ho preso?

Grazie in anticipo

E.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7284
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da Ferrobattuto » 31 ott 2018, 19:19

Il termocamino a casa di mia figlia (io ho la stufa a legna.....) ha un circolatore da 60 o 70W, sicuro che il tuo sia da 200W? Per un circolatore mi sembra molto..... Ma ovviamente non sono un esperto del settore. :D
Direi che come capacità le batterie sono sufficienti. 320Ah a 24V fanno oltre 7,5KWh di capacità. Anche assorbendo come corrente un decimo della capacità, sono 32A su 24V che fanno 768W che bastano e avanzano per alimentare quello che hai descritto. Anche un leggero sovraccarico dato dal cancello, per così breve tempo è sopportabilissimo.
Curiosità personale: FIAMM è un'ottima marca, ma perché le AGM? Non costano di più? Poi è assodato che per un banco stazionario per uso offgrid sono più convenienti le acido libero, sono più accessibili e meno suscettibili delle AGM.
A meno che tu non debba tenerle "in casa", ovvero in un ambiente comunicante con l'area vivibile della casa.
La dicitura "inverter OFF GRID 2400w 24V" purtroppo dice poco..... Servirebbero marca e modello, in modo da capirne le caratteristiche. Dopo di che Eneo e Unimatrixzero potrebbero aiutarti meglio di me.

P.S.
Per l'alimentazione dell'RTX, se va a 12V e la distanza del banco dalla postazione lo consente, in caso di blackout conviene passare direttamente dai 24V ai 12V (13,8?) con un buon riduttore switching, invece di passare per la 230V alternata. Occhio alla sezione dei cavi però. ;) Sia dalla parte dei 12V, per i canonici 20-22A, sia dalla parte dei 24V per poco più della metà. Se poi hai un QRO tipo "stufetta", allora quello va solo a 230V....
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
worm1
Messaggi: 4
Iscritto il: 31 ott 2018, 14:25

Re: Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da worm1 » 5 nov 2018, 7:37

Grazie Ferrobattuto per la risposta
confermo l'assorbimento del circolatore del TC, questo scalda una casa di 300 mq.
per l'alimentazione degli rtx diciamo che gli HF sono alimentati a 220V, il converter DC-DC da 24 a 12 potrebbe essere utile per gli rtx VHF ma a sto punto fare una linea dedicata non so quanto sarebbe conveniente.
I lineari sono due, un transistorizzato autocostruito HF+50Mhz da 600W e un valvolare che è meglio evitare di usare in caso di assenza rete :D

Veniamo all'importante, le batterie sono AGM perchè mi è capitato un buon usato ad un prezzo molto interessante, e poi si le metto in un locale al centro di casa dove le temperature sono abbastanze fresche in estate, locale dedicato costava lavori da fare..al momento non è il caso, quando ristrutturerò una cantina vedrò di lasciare uno spazietto compartimentato ed aerato!

L'inverter che ho preso è questo: https://www.ebay.it/itm/Inverter-ibrido ... OSwa9FbiQV~

Vorrei indicazioni sulle tensioni da settare per ricarica e scarica, diciamo che voglio garantire la funzionalità UPS, pensavo di impostare la tensione di carica a 28V, scarica a 25.6 (12.8x2), black out a 24,00 (12x2); forse sono troppo conservativi?? quanti kWh riuscirò ad utilizzare?
questi settaggi spero mi garantiscano una discreta durata delle batterie e al contempo mi diamo il tempo di far spegnere il TC in caso di assenza rete
in caso di assenza prolungata potrei dover bypassare manualmente anche l'autoclave, assorbe da 600 W a 900 W, non per tanto tempo ma quanto basta per avere acqua per la pasta o per sciacquettare il bimbo, che dite è troppo carico ??

Grazie

E.

Avatar utente
trattore
Messaggi: 156
Iscritto il: 16 apr 2016, 12:10

Re: Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da trattore » 5 nov 2018, 13:49

Se posso suggerire, io ho un banco AGM da 400 AH da quasi 5 anni, siccome non devono sopportare carichi particolarmente gravosi la tensione di ricarica per ogni singola batteria la tengo tra i 13,5-14 V che è la tensione consigliata dal produttore della batteria, mentre per un uso più intensivo sono suggeriti dai 14 fino a 15 V fine carica, la cosa più importante è non fare scendere troppo la tensione in fase di scarica quando si è a 12,3-12,4 in assenza di carico è consigliato al fine di preservare la durata delle batteria lo stacco del carico, in ogni caso è preferibile consultare le tabelle delle tensioni di utilizzo fornite dal produttore.Con gli assorbimenti da te descritti non dovresti avere problemi.Ogni mese bisogna controllare che la tensione di ogni singola batteria si uguale a tutte le altre del banco, ovvero il banco sia ben bilanciato.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7284
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da Ferrobattuto » 7 nov 2018, 13:07

Le tensioni indicate da trattore sono buone, sono quelle in generale indicate dai costruttori di varie marche.
Ovviamente in caso di blackout prolungato è consigliabile diminuire i carichi, per cui è ottima l'idea di staccare l'autoclave ed usarla solo in caso di necessità.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
unimatrixzero
Moderatore
Messaggi: 558
Iscritto il: 21 set 2017, 22:04

Re: Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da unimatrixzero » 9 nov 2018, 1:25

da come la vedo io e per esperienza effettuata a mie spese riguardo alle tensioni di ricarica della AGM direi di attenersi il più possibile ai parametri del fornitore, questo perchè anche se son robuste e durature è decisamente facile mandarle KO con ricariche sbagliate, per chi non sapesse ricordo che internamente non contengono acido libero quindi teoricamente non sarebbero rabboccabili. hanno un panno particolare in fibra di vetro che se viene sollecitato troppo con cariche rapide o a tensioni troppo alte/sbagliate tende ad asciugarsi con i relativi spiacevoli risultati annessi..
Riposa in pace Bob Harte .

Avatar utente
worm1
Messaggi: 4
Iscritto il: 31 ott 2018, 14:25

Re: Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da worm1 » 9 nov 2018, 15:48

Perfetto, grazie a tutti per le indicazioni, in realtà ho scaricato il data sheet fiamm, però non è che sia così chiaro come comportarsi ...

un consiglio, avendo un caricabatterie CTAK MXS 5.0 http://www.ctek.it/dettaglio-modello.php?id=8
voi un ciclo di carica e recond glie lo fareste fare ??

Le batterie sono USATE (provengono da un UPS), in ottimo stato, tutte a 13,2 Volt (oscillano tra 13,25/13,30)
per ora è tutto scollegato, spero di installare prossimo fine settimana

Grazie


E.

Avatar utente
Ferrobattuto
Moderatore
Messaggi: 7284
Iscritto il: 23 mar 2011, 13:56
Località: Basso Lazio.

Re: Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da Ferrobattuto » 9 nov 2018, 18:23

Oscillazioni di 5 centesimi di Volt sono assolutamente ininfluenti, per cui le batterie sono sicuramente simili ed equalizzate, se poi mi dici che sono usate e cariche oltre i 13V direi che sono in ottime condizioni.
Non conosco l'aggeggio che hai postato, mi dispiace.
Inviato manualmente dal mio vecchio e sgangherato, ma fedele computer


Buone realizzazioni a tutti!
Ferrobattuto

Avatar utente
unimatrixzero
Moderatore
Messaggi: 558
Iscritto il: 21 set 2017, 22:04

Re: Aiuto settaggi impiantino OFF GRID

Messaggio da unimatrixzero » 9 nov 2018, 23:15

incollo un mio commento da un altro post, magari può servirti..


Alur io ho avuto modo di trigare e farmi un po di esperienza su questa tipologia di batterie AGM,
mi è capitata l'occasione di ritirarne un po dismesse da un precedente impianto per passaggio a Litio e dove venivano utilizzate come tampone, erano batterie di enormi UPS per capirci, quindi sfruttate diciamo quasi zero, intervenivano solo nei casi sporadici di mancanza fornitura enel.
Sono pacchi di diverse date formati da elementi 12V - 100 Ah, e di 2 marche/modelli, nella fattispece :
Excide Sprinter XP12V3000 e Fiamm Monolite 12FIT100
Passando al lato tecnico ho notato che quelli piu anziani durante la ricarica a C10 tutto ok nell'insieme ma non raggiungevano il fine carica, insomma rimanevano in assorbimento di circa 1 - 2 A e scaldavano leggermente.
Con il prezioso consiglio di ferrobattuto che ha avuto precedenti esperienze in merito e che ringrazio , ho deciso di aprirle (le sprinter hanno i tappi svitabili con valvolina di sfiato integrata) e di controllare come fosse messo il materiale in fibra di vetro all'interno (quello diciamo impregnato di soluzione acida) , ho notato che fosse un po secco, probabilmente rimanendo molto tempo connesse tampone si è leggermente asciugato, da li l'idea del rabbocco con acqua distillata, ne ho aggiunto fino a poter vedere il panno interno bello zuppo.
So che nn son batterie da avviamento quindi han caratteristiche diverse dalle stesse ma dopo l'aggiunta dell'acqua ho notato quasi immediatamente un notevole incremento di spunto, misurando con il Telwin mi davano 450 A prima e quasi 700 A dopo.
Dopo questa manovra ho effettuato un po di prove, nella fattispece una scarica con risultati ottimali (praticamente come da nuove) e successiva ricarica sempre in C10 , la quale però non ha manifestato gli effetti precedenti ma è andata tranquillamente a buon fine.
Soddisfatto del risultato ho effettuato il rabbocco anche alle fiamm monolite, cosa un pelino piu complessa ma non impossibile, insomma basta rimuovere la pataccona di plastica che copre le cosidette valvole (che poi in questo caso son semplicemente dei gommini che fan da tappo e lasciano sfiatare all'esterno ad una certa pressione) rimuovere le stesse valvole, rabboccare e poi procedere con la sequenza inversa .
Adesso su uno dei miei impianti fotovoltaici ad isola ho messo sotto al trotto da circa 4 mesi un pacco di questi formato da 16 x Excide Sprinter XP12V3000 e posso dire di ritenermi soddisfatto al 100%.
Se ve ne servisse qualcuna contattatemi che son un vero affare ve le do a 1/3 del prezzo (trattamento rabbocco compreso) e
come livello usura son praticamente nuove !!
(le ho messe anche qua sopra nella bacheca usato)
Riposa in pace Bob Harte .

Rispondi

Torna a “Solare fotovoltaico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Exabot [Bot] e 20 ospiti